LuigiDe Fanis (PdL): “Bisogna assumere impegni precisi per difesa costa dei trabocchi”

‘’Ho potuto constatare di persona, la preoccupazione degli amministratori delle cittadine della costa teatina a partire da S.Vito Chietino fino a Torino di Sangro, per la marcata erosione da parte del mare delle loro coste’’.

Lo ha detto stamani Luigi De Fanis,Presidente della VI^ Commisisone del Consiglio regionale sulle politiche comunitarie.

‘’Penso- ha proseguito De Fanis- che ormai sia ora che la regione Abruzzo unitamente alla provincia di Chieti si occupino seriamente di questo problema. Ben vengano i progetti per la salvaguardia ed il potenziamento dei “trabocchi” , ben vengano le idee ed i progetti per rendere agevole ed utile l’ex tracciato ferroviario , ma a mio avviso sarebbe primario occuparsi dell’erosione di spiagge uniche per la loro bellezza e valore ambientale come quella delle Morge o del Turchino o di tante altre. Lo stesso tracciato ex ferroviario che è oggetto di studio , rischia molto.Prima l’erosione in parte veniva osteggiata dalle Ferrovie dello stato , che con le rocce , cercavano di proteggere si il letto della ferrovia ma nel contempo anche la stessa costa.Mi riprometto- ha concluso Luigi De Fanis- quindi di interessarmi di tale situazione e cercherò insieme ad altri colleghi consiglieri , di sentire le problematiche dei sindaci su questa problematica per poter interessare del problema il presidente Chiodi e la giunta regionale’’