Sotto la lente d’ingrandimento del Pd vastese la Giunta Di Giuseppantonio

Per iniziativa dei Consiglieri Provinciali del Partito Democratico, Tommaso Coletti, Camillo D’Amico, Giuseppe Forte e Vincenzo Sputore, si è tenuto a Vasto un incontro con i dirigenti del partito e gli iscritti per una disamina dei problemi più attuali che sono sul tappeto e che interessano il Comune di Vasto ed il suo territorio.

Dopo l’introduzione dei lavori fatta dal segretario cittadino, Giuseppe Forte, ha preso la parola il sen. Tommaso Coletti il quale, nel corso di un articolato intervento, ha messo in risalto l’immobilismo dell’attuale amministrazione provinciale a guida di Enrico Di Giuseppantonio. L’ex presidente della Provincia, dati alla mano, ha smentito le voci allarmistiche messo artatamente in giro dagli attuali amministratori provinciali in relazione a presunti ed inesistenti debiti lasciati dalla precedente gestione, elencando le varie voci del bilancio provinciale.

“Per mesi – ha detto il sen. Coletti – Di Giuseppantonio ed i suoi amici anziché lavorare per impostare l’azione amministrativa e realizzare opere – così come facemmo noi al momento del nostro insediamento nel 2004 – stanno perdendo tempo per incapacità ed assenza di idee”. L’ex Presidente della Provincia di Chieti ha quindi parlato dei Fondi F.A.S. previsti per Vasto ed il suo territorio che sono stati cancellati dal presidente Chiodi lo scorso autunno tra il silenzio dei consiglieri regionali che rappresentano questo territorio. Sono “saltati” finanziamenti previsti per la ristrutturazione di Palazzo d’Avalos (2 milioni di euro), per la realizzazione della bretella di collegamento del casello Autostradale di Vasto Nord alla zona Industriale di Punta Penna (quasi 4 milioni di euro), il finanziamento per il teatro comunale di San Salvo (2 milioni di euro) ed altri interventi programmati per la viabilità nel territorio del Vastese. Coletti si è quindi soffermato, con dati alla mano e documenti reali, sulla situazione della sanità in Abruzzo con esplicito riferimento alla costruzione del nuovo ospedale civile di Vasto. Un’opera che l’accoppiata Chiodi-Venturoni non ha intenzione di realizzare preferendo a Vasto Giulianova e Teramo.

Coletti ha ripercorso le varie tappe dei finanziamenti persi dal centro-destra a partire dal lontano 1998 e gli avvicendamenti che si registrarono, durante la gestione Pace alla Regione Abruzzo, di ben 5 assessori alla Sanità tra cui Rocco Salini. Il sen. Coletti ha difeso il Piano Sanitario varato dal centro-sinistra ed ha messo in risalto l’obiettivo del centro-destra che mira a chiudere tutti i piccoli ospedali (compresi quelli di Ortona, Gissi, Casoli ed Atessa) presenti nella nostra Provincia.

In sintonia con Coletti il capogruppo del Pd in Consiglio Provinciale, Camillo D’Amico, il quale ha messo in evidenza l’imbarazzante presenza di una “eminenza grigia” all’interno dei Palazzi della Provincia, ovvero l’assessore regionale all’Agricoltura Mauro Febbo, che, in effetti, detta i tempi della politica del PDL in Provincia di Chieti.