Di Giuseppantonio e il sindaco di Ortona incontrano i lavoratori della Samputensili

Il presidente della Provincia, Enrico Di Giuseppantonio, insieme al sindaco di Ortona, Nicola Fratino, ha incontrato nella serata di ieri gli operai della Samputensili all’interno dello stabilimento ortonese, aderendo alla richiesta della Rappresentativa Sindacale Unitaria. Poco prima il presidente aveva sollecitato l’intervento del Ministero dello Sviluppo Economico sulla vertenza con una telefonata, seguita da una circostanziata lettera, al dott. Giampiero Castano, responsabile dell’Unità per la Gestione delle vertenze di crisi aziendali del ministro Claudio Scajola.

Di Giuseppantonio ha sollecitato la convocazione di un tavolo nazionale sul quale discutere della situazione dello stabilimento ortonese.

«In un contesto economico ed occupazionale già difficile – ha scritto Di Giuseppantonio – una situazione del genere sta creando forti tensioni sociali, che sono sfociate in manifestazioni di vario genere: l’ultimo caso è l’occupazione del tetto della fabbrica e della Strada Provinciale Marrucina, nel territorio di Ortona, da parte degli operai della ditta.

Va ricordato che la provincia di Chieti è una di quelle maggiormente colpite dalla crisi economica, poiché la sua economia poggia in modo determinante sul settore automotive e sul suo indotto: un settore che, come è noto, è stato tra quelli più duramente ridimensionati dalla recessione globale degli ultimi due anni. A tutto ciò va aggiunto il dramma del terremoto che, meno di un anno fa, ha colpito l’Abruzzo nel suo capoluogo. L’insieme di questi fattori determina un quadro economico e sociale estremamente precario nel territorio da me amministrato.

La Provincia di Chieti sta seguendo la vicenda sin dall’inizio, attraverso il confronto con tutti i soggetti interessati e la convocazione di tavoli, con l’obiettivo di salvaguardare una realtà produttiva importante. Tutto ciò anche in considerazione del fatto che ci sono ancora margini di produttività e di operatività nello stabilimento in questione.

Chiedo, pertanto, di convocare con urgenza un tavolo presso il Ministero dello Sviluppo Economico, al fine di analizzare il Piano Industriale 2010-2012 del Gruppo Samp, che coinvolge numerosi stabilimenti sul territorio nazionale, e di verificare la fattibilità di un salvataggio della capacità occupazionale in Italia, con particolare riferimento al sito di Ortona».