Arretrati, niente accordo sindacati e Asl Chieti-Lanciano-Vasto

Niente accordo per il pagamento delle spettanze relative ai residui incentivi alla ex Asl Lanciano-Vasto. Le trattaive tra sindacati e azienda non hanno prodotto alcun risultato. Lo si legge in un comunicato diffuso oggi dall’Associazione Nazionale Sindacato Professionisti Sanitari della Funzione Infermieristica

“Questa O.S. stigmatizza il comportamento della nuova Direzione Generale che intende rivedere le cifre del fondo in questione prima di liquidare i dipendenti, cosa condivisibile per la responsabilità amministrativa che tali atti comportano, ma ciò che non possiamo accettare è l’intenzione “fumosa” di rivedere i criteri di assegnazione degli arretrati, cosa che rischia di portare i tempi all’infinito ed aprire contenziosi di cui ne potremmo fare assolutamente a meno.

 Inutili sono stati gli inviti da parte di tutte le organizzazioni sindacali a liquidare questo ed altri istituti contrattuali delle ex ASL per poter iniziare con le migliori condizioni le relazioni sindacali con la nuova Direzione. Unica disponibilità proposta dalla Direzione è stata di erogare solo il 30% delle spettanze (meno di 300 euro lordi), proposta per noi inaccettabile e pertanto respinta al mittente.

Nursing Up, congiuntamente con le altre OO.SS. che aderiranno a questa iniziativa,  intende adottare tutti gli strumenti di lotta sindacale previsti per tutelare gli interessi dei dipendenti della ex ASL Lanciano Vasto sui fondi e gli accordi già sottoscritti in preintesa”.