Cesa (Udc): “Inaccettabile la situazione dei lavoratori di Villa Pini”

“Chiedo al presidente della Regione Chiodi e al ministro della Sanita’ Fazio di intraprendere ogni iniziativa utile ad evitare che i 1600 lavoratori del gruppo Villa Pini, gia’ senza stipendio da 11 mesi, perdano il lavoro e finiscano sul lastrico assieme alle loro famiglie”. E’ quanto afferma il segretario dell’Udc Lorenzo Cesa, a margine di un vertice convocato d’urgenza con il vicecoordinatore del partito, Enrico Di Giuseppantonio, il capogruppo in Consiglio regionale, Antonio Menna, e gli altri dirigenti abruzzesi del partito.
“E’ inaccettabile – aggiunge Cesa – che una vicenda del genere, dai potenziali contraccolpi occupazionali pari a quelli della Fiat di Termini Imerese, sia circondata da un velo di silenzio e indifferenza. Di certo – conclude – i lavoratori di Villa Pini non possono pagare sulla loro pelle le responsabilita’ della proprieta’ e vicende di cronaca che non li riguardano in alcun modo”.