Spacciava euro falsi, identificato dai carabinieri di Lanciano

I carabinieri della Compagnia di Lanciano hanno scovato una centrale per lo spaccio di euro falsi e identificato l’uomo che si prodigava a mettere in circolazione le banconote contraffatte. Tutto ha avuto inizio alla fine dello scorso mese di febbraio quando i carabinieri di Lama dei Peligni identificavano, C.F. 35enne proveniente dalla provincia di Foggia e nel centro abruzzese per lavoro nel campo dell’edilizia, come la persona che aveva spacciato una banconota da 100 euro falsa rifilandola ad un esercente del luogo. Probabilmente confidando nell’età avanzata della negoziante che non avrebbe notato la contraffazione della banconota; purtroppo per il truffatore nel negozio sopraggiunse un nipote della donna che notò subito la difformità della carta rispetto all’originale ed informò i Carabinieri della locale stazione. Le successive indagini si concludevano con l’individuazione del soggetto e con una perquisizione effettuata sia al domicilio a Lama dei Peligni che presso l’abitazione del comune di Lesina, alla pendici del Gargano. In quest’ultimo luogo venivano rinvenuti 2720 Euro falsi, in banconote di tutti i tagli previsti e tutte sottoposte a sequestro. Ora l’uomo dovrà rispondere di detenzione alla fine di spedita di banconote contraffatte.