Il Pd: “Il commercio a Lanciano paga le non scelte dell’amministrazione comunale”

“La proposta della Confcommercio sulla riapertura del Corso al traffico è un grido d’allarme sull’immobilismo di questi anni”.

E’ quanto afferma, attraverso il suo segretario, Leo Marongiu, il PD frentano, che interviene sulla discussione in atto in questi giorni circa il rilancio del commercio nel centro della città.

 “Il problema del commercio lancianese deriva certo dalla grande distribuzione, che pesa di più laddove la nostra città non si dota dei servizi necessari come i parcheggi. Si pensa a nuove costruzioni invece che ad un’isola pedonale al centro degna delle migliori tradizioni dell’Italia centrale, come un Piano traffico ed un piano della mobilità adeguati, come un piano del commercio nuovo che tenga conto delle potenzialità di un centro storico in cui la ZTL resta solo un cartello fine a se stesso – denuncia il Pd -. L’Amministrazione non scioglie nessun nodo e rimanda la risoluzione dei grossi problemi come quello degli ambulanti spostati da Piazza Garibaldi che non sanno quando ci torneranno e come ci torneranno visto che potrebbero esserci nuovi interventi nella parte superiore della Piazza ma non ne conosciamo la tempistica nè le modalità, per non parlare del commercio orto-frutticolo una volta fiore all’occhiello ed ora quasi espulso dalla Città. Su tutte queste questioni aperte e non risolte, chiederemo in via ufficiale un consiglio comunale con la presenza dei responsabili di categoria”.