Truffa online a due sordomuti sventata dalla polizia postale

Una truffa on line da 30mila euro ai danni di una coppia di coniugi sordomuti è stata sventata dal personale della Polizia postale e delle comunicazioni per l’Abruzzo. Il raggiro nel quale i due sono caduti è un esempio di truffa generalmente chiamata “lotteria nigeriana” che si verifica quando la vittima crede di aver vinto del denaro ma prima di ottenerlo anticipa delle spese per presunte questioni burocratiche o tecniche. In questo caso i due coniugi sordomuti hanno ricevuto una e-mail con la quale veniva comunicata la vincita di 650mila sterline nell’ambito di una fantomastica lotteria inglese. Per vedersi accreditare questi soldi, però, i vincitori hanno dovuto versare 700 euro tramite Western Union a favore di un uomo inglese e avrebbero dovuto versare altri 30mila euro per sostenere le spese notarili e risolvere altre questioni burocratiche. La donna, credendo di essere stata baciata dalla fortuna, si è quindi recata in banca a prelevare 30mila euro e quando la direttrice le ha chiesto spiegazioni è stata molto evasiva. E’ stata quindi avvisata la Polizia postale e il personale della sezione di Teramo, dopo aver raggiunto la coppia di coniugi, è riuscito a ricostruire la vicenda e ha convinto i sordomuti, tra difficoltà e resistenze, che si trattava di una truffa. L’invito che lancia la Polpost, diretta da Pasquale Sorgonà, è di prestare la massima attenzione, evitando di dare credito a forme di facili guadagni come questa.