Valente (Progetto Lanciano): “Sulla destinazione del Renzetti confronto coi cittadini”

“Dov’erano tutti questi signori che oggi parlano quando la Ragione decideva dalla sera alla mattina di cancellare la sede della Asl di Lanciano? Dov’era il Presidente della Provincia Di Giuseppantonio che per scipparci l’Ospedale è arrivato addirittura a proporre una riunione di 40 sindaci, presenti la Provincia e la Regione e dove chiaramente Lanciano sarà in minoranza? Dov’era il Sindaco di Atessa che vorrebbe l’Ospedale in Val di Sangro? Soprattutto, dove sono i politici lancianesi che dovrebbero, loro sì, pronunciarsi sul futuro del nostro Ospedale?

Va giù duro Pino Valente, della Lista Civica Progetto Lanciano. Con rabbia entra nel dibattito sulla proposta di spostamento dell’ospedale di Lanciano, che in questi giorni caratterizza le pagine di alcuni quotidiani e rimprovera il fatto che in tanti vogliono decidere delle sorti del Renzetti ma tra coloro che parlano, esprimono giudizi, pareri, sono “tutti rigorosamente non lancianesi!”.

“La Lista Civica Progetto Lanciano – scrive in una nota Valente – ritiene fondamentale prima di parlare dell’ubicazione dell’ospedale aprire un confronto serrato con la popolazione e gli operatori sanitari su quale ruolo deve rivestire il nostro Ospedale all’interno della Asl provinciale. Costruire un ospedale non è come costruire una villetta o una palazzina residenziale: l’ospedale va infatti riempito di contenuti, di professionalità di tecnologia. Bene, o meglio male, di tutto questo nessuno parla. E la cosa è ancora più grave alla luce delle pesanti negative ripercussione che l’annessione alla Asl di Chieti sta producendo su di un territorio che viene visto dai nuovi manager e dalla politica provinciale e regionale come di serie B rispetto all’area chietina. Emblematica, infatti, la presa di posizione del neo sindaco di Chieti a cui non va bene neanche la denominazione della nuova Asl! Il Candidato Sindaco della Lista Civica Progetto Lanciano Pino Valente ritiene comunque visto che è in atto un dibattito che a doversi pronunciare sul futuro del nostro Ospedale siano direttamente i cittadini. Basta decidere sulla testa dei cittadini, basta ad accordi ed accordicchi fatti alle spalle degli ammalati frentani. Che il popolo torni ad essere sovrano, torni decidere del futuro del proprio territorio. Per questo motivo la prossima settimana la Lista Civica Progetto Lanciano inizierà una grande raccolta dati mediante un questionario predisposto dal vicepresidente di Progetto Lanciano Carlo Bolletta sui bisogni sanitari dei cittadini ed in quella circostanza tutti potranno liberamente esprimere la propria opinione anche sul futuro del Renzetti”.