Sì a un progetto provinciale di rigenerazione della Costa dei Trabocchi

Un accordo di programma è stato firmato questa mattina presso la Provincia di Chieti tra la stessa amministrazione provinciale e i comuni di Rocca. S.Giovanni, S. Vito Chietino, Fossacesia e Torino di Sangro finalizzato alla predisposizione di un progetto stralcio nell’area della Costa dei Trabocchi, in coerenza con il progetto provinciale di rigenerazione territoriale della costa Teatina e della direttiva per la valorizzazione della costa.

L’accordo, è stato spiegato dal presidente della Provincia, Enrico Di Giuseppantonio, prelude alla stesura del piano di assetto naturalistico, strumento che pianifica le attività all’interno di un’area da proteggere e in base al quale i comuni coinvolti moduleranno i rispettivi Prg. E’ già stato redatto uno studio del territorio che tiene conto di tutte le sue peculiarita’ da quelle economiche e sociali a quelle ambientali e che evidenzia le risorse da valorizzare, l’utilizzo delle risorse presenti, i modi di fruibilità, le attività compatibili con il territorio e i servizi. Il risultato verrà presentato venerdì ai portatori di interesse nell’ambito di un work shop. Dallo studio, è stato detto, emerge che i vincoli paesaggistici sono una delle cause del disagio socio economico di cui il territorio soffre, vincoli che devono invece diventare occasione di sviluppo. Si tratta di un territorio, ha sottolineato il sindaco di Rocca S. Giovanni, Gianni Di Rito, omogeneo nel quale sono presenti ben tre riserve naturalistiche e che ha come comune denominatore il mare. Lo studio mette quindi in luce quelle che sono le potenzialità del territorio nel senso di uno sviluppo sostenibile per metterle a sistema. Il tutto, ha specificato l’assessore provinciale al Turismo, Campitelli, viene ricompreso nel più ampio progetto di rigenerazione della Costa Teatina nell’ambito del quale l’elemento distintivo è costituito dalla Via Verde che la Regione Abruzzo ha finanziato con 16 milioni di fondi Fas.