Chiusa la vertenza sindacati e Sevel sui permessi annui retribuiti

“Chiusa positivamente una vicenda che ha visto coinvolti e penalizzati gli incolpevoli 6300 dipendenti della Sevel da decisioni e conflitti esterni all’azienda”.

È quanto scrive in una nota stampa il segretario provinciale della Uilm Uil di Chieti,   Nicola Manzi. Infatti, ieri, venerdì 7 maggio, alle ore 17,30 presso la sede dell’Associazione Industriali a Cerratina, si è tenuto un incontro sindacale tra la direzione SEVEL e le OO.SS. Fim-Fiom e Uilm per discutere di un progetto di formazione da promuovere a favore dei dipendenti Sevel.

“Nel corso dell’incontro – riferisce Manzi – , l’azienda è stata nuovamente incalzata sulla vicenda dei P.A.R. (permessi annui retribuiti) arbitrariamente e unilateralmente utilizzati dalla Sevel a copertura delle giornate di fermo causato dallo sciopero dei lavoratori della “ex ERGOM”. Dopo ampia discussione la Sevel ci ha comunicato la decisione di coprire quelle giornate con la retribuzione prevista dalla Cassa Integrazione Ordinaria, impegnandosi a non effettuare alcun ricorso contro la decisione presa il 14 aprile dalla commissione INPS di approvare a maggioranza la CIGO con il voto contrario del rappresentante della Confindustria di Chieti. Ha prevalso la ragione e la calma”.