Marongiu (PD): “Lanciano aspetta il nuovo depuratore”

“Se la priorità è quella di impedire la deriva petrolifera del nostro territorio, è altresì importante bonificare il Feltrino e combattere l’inquinamento della nostra Costa. Il Sindaco di San Vito solleva un problema reale e tutti dovremmo spingere verso la soluzione del problema in modo radicale”.

E’ quanto afferma in una nota il segretario del circolo del PD di Lanciano, Leo Marongiu sulla questione relativa alla realizzazione del nuovo depuratore della città . E a tal riguardo ricorda una dichiarazione dell’8 Gennaio 2010 rilasciata su un quotidiano locale da Emilio Nasuti (Pdl) : «I soldi ora ci sono -, assicura invece il presidente della commissione bilancio della Regione -, nell’ultimo consiglio regionale dell’anno, sono stati assegnati 4 milioni di euro dei fondi Fas, per realizzare il depuratore a Lanciano. Il risanamento del Feltrino -aggiunge Nasuti -, è una priorità per la Regione, perché la costa dei trabocchi non può essere penalizzata dalla presenza del fiume che allontana i turisti”.

 A causa dell’inquinamento del Feltrino – si leggeva ancora in quel breve articolo -, San Vito la scorsa estate, dopo 6 anni, ha perso la bandiera Blu della Fee (Foundation for Environmental Education) assegnata alle spiagge che emergono per la qualità delle acque, della costa, dei servizi e ha perso una fetta di turisti. Ma se i soldi per il nuovo impianto per ora ci sono, la speranza è che non spariscano, come accaduto in passato.

“La manifestazione di aprile scorso delle associazioni ambientaliste a San Vito Marina e quella che si terrà a Lanciano, a fine maggio, testimoniano l’alto grado di consapevolezza della nostra comunità sul tema della tutela ambientale, che è legato allo sviluppo del nostro territorio in modo decisivo. Il Partito Democratico di Lanciano, per tornare a riaccendere i fari sul problema annoso dell’impianto di depurazione, ha proposto un emendamento al Bilancio di previsione del comune di Lanciano, per la costruzione di un Depuratore con un finanziamento regionale, come più volte annunciato e come previsto nel programma di governo dell’Amministrazione Paolini che prevedeva per il Feltrino la costituzione addirittura di un “parco fluviale”.

Gli impianti esistenti infatti filtrano meno della metà delle acque di scarico prodotte. Al Presidente della commissione bilancio della Regione, consigliere Nasuti, che aveva annunciato l’esistenza dei fondi per la realizzazione del depuratore, chiediamo di far luce sulla questione ed informare la comunità frentana sullo stato delle cose”.