Crisi, riprendono gli incontri tra le Parti Sociali e la Giunta Regionale

Nell’incontro svoltosi il 14 maggio tra le organizzazioni economico-sociali regionali rappresentative del Lavoro e dell’Impresa con il Presidente Gianni Chiodi, si è concordato di riprendere il confronto tra le parti sociali e la Giunta Regionale.

Il primo tema che sarà oggetto del confronto si è concordato sia quello delle risorse, quelle già disponibili e quelle cui l’Abruzzo ha titolo, ma non sono ancora state sbloccate o assegnate. Per quanto riguarda l’utilizzo ottimale dei fondi strutturali, si conferma un primo incontro, da svolgersi in data venerdì 11 giugno, h.15.00, dedicato al fondo FESR, Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (Palazzo Silone, L’Aquila).

Seguiranno incontri sul fondo FSE, Fondo Sociale Europeo (sabato 26 giugno h10.30) e sul FEASR, Fondo europeo per lo sviluppo rurale (venerdì 2 luglio h11).

In occasione dell’incontro sul FESR, le parti sociali si sentiranno per definire le modalità di una loro riunione a Roma, presso la sede della Regione Abruzzo, via Piave 8, cui il Presidente Chiodi ha dato la disponibilità a partecipare, per porre all’attenzione del Governo la necessità, pur nell’attuale difficile contesto, di assicurare all’Abruzzo un flusso adeguato di risorse per lo sviluppo (sblocco del FAS; Master Plan; Accordo Infrastrutture).

Il confronto tra la Giunta Regionale e le parti sociali potrà poi proseguire, esaurito  il tema delle risorse, fissando ulteriori incontri, presumibilmente nel mese di luglio. Due temi fondamentali appaiono meritevoli di almeno una sessione ciascuno di carattere generale, cui potranno seguire confronti più puntuali: quello dello stato delle riforme e quello del contrasto alla crisi/promozione di sviluppo e occupazione stabile.

Per quanto riguarda in particolare L’Aquila e il cratere, nell’incontro del 14 maggio si è confermato che il Tavolo dell’Aquila va inteso come regionale oltre che come provinciale, un’unica sede di confronto che vale per il regionale e il provinciale. È inoltre fin da ora da mettere in conto un confronto, a  settembre, sul DPEFR e il Bilancio.

In parallelo con il confronto con la Giunta Regionale, le parti sociali chiederanno un incontro al Presidente del Consiglio regionale, Nazario Pagano, per concordare modalità di informazione e coinvolgimento e per sollecitare l’approvazione quanto più celere delle leggi di interesse delle parti economico-sociali.

Le organizzazioni economico-sociali rappresentative del Lavoro e dell’Impresa che hanno concordato con il Presidente Chiodi il presente programma sono le seguenti: Cgil (Gianni Di Cesare), Cisl (Maurizio Spina), Uil (Roberto Campo), Ugl (Piero Peretti), Confindustria (Mauro Angelucci), Confapi (Ernesto Petricca), CNA (Italo Lupo), Confartigianato (Angelo Taffo), Casartigiani (Ferdinando Buccella), Coldiretti (Domenico Pasetti), CIA (Domenico Falcone), Copagri (Tommaso Visco), Confcommercio (Ezio Ardizzi), Confesercenti (Beniamino Orfanelli), Legacoop (Elio Di Odoardo), Confcooperative (Giampiero Ledda), AGCI (Nino Silverio).