Rocca S. Giovanni, il sindaco: “Soddisfatto per l’assegnazione delle 4 Vele frutto di lavoro di equipe”

La riconferma di Rocca San Giovanni tra le località a 4 Vele della regione Abruzzo, conferma il buon lavoro fatto in tema di ambiente dall’amministrazione comunale. Non lo nasconde di certo il sindaco della località frentana, Gianni Di Rito. “Pur consapevoli delle grandi difficoltà che avremmo incontrato, non abbiamo mai ceduto a compromessi e abbiamo scommesso senza indugi in questo cammino – dice il primo cittadini -, caratterizzato da una progettualità consapevole e mirata per coniugare l’offerta turistica con la qualità dei servizi, evidenziando quelle che sono le nostre peculiarità: purezza delle acque, territorio incontaminato, apprezzate tipicità enogastronomiche, aria salubre, un meraviglioso borgo, attualmente oggetto di un attento recupero in linea con le indicazioni dell’associazione Borghi più belli d’Italia, del quale Rocca fa parte dal 2006. Tali riconoscimenti fanno da corollario a un notevole incremento del volume d’affari legàto al turismo, sia in termini di presenze che di attività commerciali lungo la costa – ristoranti e strutture ricettive. Mi sento in dovere di ringraziare il Vice sindaco e assessore all’ambiente, Camillo De Palma, per l’egregia opera di monitoraggio attento e scrupoloso, e tutti i cittadini del paese, che hanno contribuito in egual misura per raggiungere questo ennesimo, importante risultato che ci colloca al primo posto in Abruzzo. Un ringraziamento anche a Legambiente, in particolare agli amici Angelo Di Matteo e Luzio Nelli, interlocutori attenti, stimolanti e concreti, con i quali abbiamo sempre operato con grande collaborazione, e alle associazioni quali WWF e SOS Costa dei Trabocchi per lo stimolo costante, per la verità a volte eccessivo e pretestuoso. Il risultato raggiunto – dice infini Di Rito –  ha ben altre origini: un conto è, infatti, proporre iniziative utili, valide ma troppo spesso strumentalizzate, altro è invece governare e portare avanti azioni concrete che sappiano unire la difesa dell’ambiente e lo sviluppo turistico del nostro territorio”.