E’ abruzzese il marchio che sta conquistando il mondo della moda internazionale

Un team di giovanissimi e talentuosi designer, maghi della grafica, titolari della Bustler Factory, tutti rigorosamente Abruzzesi, è la rivelazione della 78° edizione del Pitti Uomo Immagine, appena conclusasi a Firenze, presso l’area espositiva dedicata ai debutti assoluti New Beat(s).

A far parlare di sé, il nuovo brand “Bustler” lanciato dalle menti creative del gruppo capitanato dal designer Antonio Sciolè, che si prepara a dettare moda nel settore. Il nuovo brand ha destato l’interesse di oltre 300 negozianti provenienti da tutta Europa, di decine di distributori nazionali e internazionali, e di numerose testate giornalistiche come “Vogue America” che, attraverso i suoi “Cool Hunting“ scopritori di tendenze, lo ha eletto “assoluta novità del salone New Beat(S)”. Ma non finisce qui perché a connubio di questo inatteso successo si è svolto sempre nello stand abruzzese un incontro con i responsabili marketing e comunicazione di MTV per una futura collaborazione.

Il brand è stato avviato circa un anno fa ,stabilendo un prezioso contatto con l’istituto europeo del design IED di Barcellona, iniziando a realizzare ironiche magliette a “T”

Provocatorio il nome dato alla prima collezione di “T shirt” parlanti: “Accept Candies from Strange”r (Accettiamo caramelle da uno sconosciuto), un modo originale per dire ai ragazzi di oggi che possono avventurarsi nel mondo da soli, aprirsi alle novità e accettare idee, spunti e relazioni anche da chi non si conosce. Un messaggio sociale che viaggia sul cotone di uno dei capi più sfruttati dell’universo maschile.

La collezione si ispira al trattare con ironia e sfrontatezza i temi più disparati del vivere quotidiano attraverso la rappresentazione di  figure, personaggi e grafiche, ricche di contenuti e di pathos che caratterizzano i circa 60 modelli di t-shirt della collezione primavera/estate 2011 ,racchiuse in  originale packaging a forma di busta di caramelle semi trasparente dai colori pop.