Incontro in Provincia di Chieti per evitare il trasferimento dell’ACS di Atessa

Sindacati e Provincia di Chieti insieme per salvare l’ACS di Atessa. Lunedì prossimo, infatti, nella sede della Provincia di Chieti, alla presenza del presidente Enrico Di Giuseppantonio, si volgerà l’atteso incontro con la direzione aziendale che produce e lavora le spugne per i sedili montati sui furgoni della Sevel. Una faccia a faccia delicato e importante perché si tratta dell’ultima possibilità per salvare i posti di lavoro – 28 – messi a rischio dalla decisione di trasferire in Campania la produzione. Lunedì, infatti, è l’ultimo giorno utile previsto dalla legge 223/91 per evitare i licenziamenti comunicati dalla società nel maggio scorso. Ore drammatiche stanno vivendo le 28 famiglie dei dipendenti dell’ACS, che sperano in un ripensamento. Come i sindacati, che vedono in questo progetto industriale un disegno preciso: togliere il lavoro dell’indotto Sevel da Val di Sangro e portarlo fuori regione. Lunedì si terrà uno sciopero e una manifestazione dei lavoratori davanti alla sede della Provincia di Chieti.