Di Stefano (PdL): “I finanziamenti della cosiddetta Legge Mancia mai arrivati alle zone terremotate”

“Mi spiace constatare la generosità pelosa del mio collega senatore Luigi Lusi, soprattutto quando questa è utilizzata in una situazione drammatica come il terremoto aquilano. E mi dispiace che coinvolga anche una persona di valore quale il presidente Franco Marini.

Cosi il senatore PDL Fabrizio Di Stefano in una nota

A cosa mi riferisco? – prosegue- Alla conferenza stampa in data 23 marzo nella quale il senatore Lusi, unitamente all’allora presidente della Provincia de L’Aquila Stefania Pezzopane, ed addirittura al presidente del gruppo parlamentare Anna Finocchiaro annunciavano di aver indirizzato la quota spettante dei finanziamenti della cosiddetta Legge Mancia alle zone terremotate. Ed in particolare nella conferenza stampa rendevano noto che “4 milioni di euro sarebbero stati destinati alla realizzazione di un parco urbano nella zona compresa tra il circuito di Colle Maggio e l’Orto Botanico della Provincia de L’Aquila”. Fondi con destinazione vincolata alla Provincia de L’Aquila. “Sono destinazioni effettive”, diceva Lusi, “e non promesse elettorali“. Se andiamo oggi a scorrere l’elenco ufficiale dei finanziamenti per oltre 1 milione di euro di queste voci, alla Provincia de L’Aquila neppure l’ombra. Piuttosto analoga voce per analogo importo è destinato al Comune de L’Aquila. Cos’è cambiato quindi dal 23 di marzo ad oggi? Semplicemente che la Provincia de L’Aquila è passata al centrodestra e l’allora presidente Pezzopane è diventata assessore del Comune de L’Aquila. Allora erano finanziamenti per L’Aquila o per la Pezzopane? Erano per la campagna elettorale o per l’emergenza terremoto? Perchè annunciare tali finanziamenti solo 5 giorni prima delle elezioni provinciali e poi, a risultato avvenuto il beneficiario del finanziamento è cambiato? La Provincia non è sempre la stessa? O forse Del Corvo non è degno quanto la Pezzopane di riceverli? Sono oltretutto convinto che il senatore Marini fosse allo scuro di tali movimenti poichè non si sarebbe mai prestato ad un ‘iniziativa, che ritengo di squalli profilo elettorale. E questo dubbio mi sorge scorrendo l’ulteriore elenco dei finanziamenti,dove noto che  al Comune di Capistrello, comune non rientrante  nel cratere del terremoto, ed il cui sindaco è stato eletto nella recente tornata elettorale, nonchè fratello del sen.  Lusi,  sono destinati ben 14 finanziamenti. E allora il dubbio che si trattassero di finanziamenti elettorali mi sorge legittimo”.