Dal 2 agosto scatta il fermo pesca

Ultima settimana di pesca, la prossima, in Adriatico per i sistemi di strascico e volante prima del fermo temporaneo di trenta giorni consecutivi che scatterà, da Trieste a Bari, il 2 agosto per concludersi alla fine del mese. Unica eccezione – ricorda una nota di Legapesca Emilia Romagna – i compartimenti di Pescara e Ortona che adotteranno lo stesso periodo di fermo previsto per i litorali tirrenici, dal 1 al 30 settembre. Sardegna e Sicilia potranno autonomamente decidere le date dell’interruzione temporanea, da effettuarsi comunque entro il 30 settembre. Sono previste compensazioni finanziarie a favore delle imprese e degli equipaggi. Le dotazioni per gli aiuti a favore degli armatori, calcolati secondo la tabella allegata, saranno garantite, per lo strascico, a valere sul fondo europeo pesca FEP, e per le volanti, a valere su risorse nazionali nel quadro degli aiuti de minimis. Per gli equipaggi, si prevede l’attivazione delle procedure per la cassa integrazione guadagni straordinaria in deroga, secondo modalità e limiti previsti dalla normativa vigente.