Fosaccesia, raccolta di firme contro i parcheggi a pagamento alla Marina

di Vito Sbrocchi

Sulla recente istituzione dei parcheggi a pagamento sull’area di risulta dell’ex Ferrovia è stata avviata una raccolta di firme promossa da un neonato comitato di cittadini. «Le strisce blu danneggiano il turismo a Fossacesia – si legge nel documento che molti cittadini hanno già firmato per protesta e che a giorni sarà inviato al sindaco, Fausto Stante, all’assessore al turismo, Alessandro Marrone, e ai vigili urbani. – Il sistema del parcheggio a pagamento sull’ex tracciato ferroviario è stato organizzato e gestito in maniera a dir poco approssimativa e superficiale. È evidente – si legge ancora nella nota – che il vero intento dell’operazione sia quello di far cassa e non, come si vuol far credere, di disciplinare i parcheggi». I componenti del comitato cittadino sono convinti che le cosiddette strisce blu possono trovare una giustificazione solo se in tutta l’area saranno realizzati un manto di asfalto, un adeguato numero di stalli (liberi, a pagamento e per le persone diversamente abili) e un sufficiente numero di servizi igienici. I firmatari chiedono infine all’Amministrazione comunale una maggiore cura dell’area, con l’attuazione di un piano di sicurezza e l’applicazione di una tariffa di pagamento più equa rispetto a quelle finora imposte. In questi giorni il parcheggio dell’area di risulta continua comunque ad essere semivuoto, nonostante le belle giornate di mare. È il segno tangibile che molti bagnanti hanno mal digerito l’imposizione del Comune.