Dieci feriti nel dopo Pescara-Roma. La Virtus vince in Tim Cup ma è sempre spuntata

E’ di dieci feriti il bilancio dei tafferugli avvenuti prima e dopo la partita amichevole Pescara-Roma di ieri sera allo stadio di Pescara. Si tratta di 5 tifosi, di cui tre pescaresi e due romanisti, e cinque poliziotti. Per tutti la prognosi è tra i 5 e i 10 giorni. Tra i feriti c’é anche un pescarese di 34 anni, ferito ad una coscia da una coltellata. A seguito di questi episodi la polizia di Pescara ha identificato uno dei partecipanti ai tafferugli, un tifoso della Roma di 35 anni. Ferito anche il responsabile della squadra volante di Pescara, Alessandro Di Blasio, colpito alla fronte da una bottiglietta. La polizia sta continuando l’attività di identificazione delle persone che hanno partecipato ai tafferugli, grazie alle immagini riprese dalle telecamere che si trovano all’esterno dello stadio e nelle zone limitrofe.

La Virtus Lanciano (nella foto a destra il giovane e promettente centrocampista ungherese Zsolt Tamási) vista all’opera ieri con il Carpi, pur vincendo per 2 a 1 (gli ospiti hanno fallito un calcio di rigore al 55’ succede da Cicino, il cui tiro si è infranto sulla traversa), ha più che mai bisogno di una punta centrale. La squadra ha girato solo a tratti, ma vedere sin da adesso una formazione pimpante e capace di interpretare ben i nuovi schemi di mister Camplone è chiedere troppo. Mancano anche pedine importanti come Turchi e Colussi, e Di Cecco non è stato della gara. Le indicazioni del campo, però, ci sono e indicano tutte che proprio nel reparto avanzato c’è qualcosa che non va. La società è al lavoro, ma come più volte detto tutto è condizionato dalla partenza di Davide Morante. I Maio quest’anno hanno ridotto le spese: oltre a questo c’è da aggiungere che il centravanti attualmente in forza ai rossoneri oramai ha perso il feeling con la piazza. Il suo ingaggio è comunque uno dei problemi più grandi e non sarà davvero semplice piazzarlo altrove di questi tempi. Comunque il Lanciano va avanti nella Tim Cup e affronterà il Piacenza in trasferta nel secondo turno.

Il difensore Davide Moi, 25 anni, con esperienze in Serie C1 con le maglie di Salernitana, Foggia e Sambenedettese e nell’’ultima stagione nella Virtus, (25 presenze e una rete) è andato a rinforzare la difesa del Siracusa.

Le altre notizie della giornata riguardano il campionato di Lega Pro Seconda Divisione, che inizierà domenica 29 agosto 2010. E’ stato deciso questa mattina a Firenze nel corso di una riunione alla quale hanno partecipato anche i presidenti dei club, molti dei quali promotori della richiesta di posticipo di una settimana dell’avvio del campionato. Resta invece confermata la data del 22 agosto per l’inizio del torneo di Prima. I calendari saranno diramati il 13. Restando in Seconda Divisione, la formula del campionato prevede per ogni girone due squadre promosse (la seconda al termine dei play off ai quali avranno diritto di partecipare la 2°, la 3°, la 4° e la 5°) e una sola retrocessione, con play out solo nel caso in cui tra la penultima e l’ultima classificata, non vi siano più di 5 punti. Con più di 5 punti infatti, l’ultima classificata retrocederà direttamente.

Il Celano ha ufficializzato l’acquisto di due difensori centrali, entrambi svincolati dalla Pro Vercelli: si tratta di Andrea Ciolli (21) di scuola Juve, e di Stefano Prizio (22), ex giocatore del Pescara.

Il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, in relazione alla campagna abbonamenti della “SS Chieti Calcio”, avviata ieri, informa che, di concerto con l’Assessore allo Sport, Marco Russo, ha espressamente invitato tutti i componenti la Giunta Comunale ad acquistare, a proprie spese, l’abbonamento annuale per la stagione di Calcio 2010/2011 in modo da dare un forte segnale di sostegno, da parte dell’Amministrazione Comunale, ai colori neroverdi. Un esempio che molti altri amministratori dovrebbero prendere.

E veniamo al Calcio a 5. Dopo la fresca promozione al massimo campionato regionale di Serie C1 abruzzese, la Vis Lanciano si lancia nell’allestimento tecnico-tattico della squadra. Sarà compito molto duro e laborioso visti i brevissimi tempi entro i quali Presidente, Direttore Generale e Direttore Sportivo dovranno agire per delineare e concretizzare la rosa che dovrà disputare un campionato all’altezza. Alla prima apparizione in serie C1, la squadra frentana guidata dal neo Presidente Piero Giardino (foto a destra), ufficializza in primis la riconferma di Massimo Morena, il giovane ma esperto tecnico che negli ultimi due anni ha condotto ai vertici regionali il sodalizio lancianese. Fondamentale, questa prima riconferma, per i progetti che la società lancianese ha posto in essere e porterà avanti nella valorizzazione del proprio bacino giovanile che conta di elementi di sicuro valore e già sotto l’occhio vigile di società di serie A. Riconfermato l’esperto e forte portiere Settimio Gallucci, autore nella passata stagione di un campionato ad alti livelli e garanzia assoluta tra i pali, che non ha esitato a dare la propria immediata piena fiducia alla società. Nota lieta è il ritorno, dal calvario del lungo infortunio subito, di Capitan Antonio Morena che si ripresenta in condizioni fisiche ottimali, un altro acquisto. La rosa: riconfermati Gallucci S., Di Loreto, Roselli, Caravaggio, Sciubba, Morena A., Ciccocioppo, Pasquini L., Cinalli, Gallucci M., Di Piero. La Vis Lanciano, a garanzia dell’interesse di portare ai massimi storici la città di Lanciano nel calcio a 5, vuole onorare la serie C1 e a tal proposito lo staff dirigenziale è già al lavoro serbando 2-3 acquisti importanti e di categoria da inserire nell’attuale rosa. Sono avviate e concrete le trattative e solo entro il 12 agosto, data in cui verrà ufficializzata tutta la rosa, saranno resi pubblici nomi e volti dei nuovi giocatori.