Scattano i servizi notturni dei Vigili Urbani anche a Lanciano. E il bilancio è soddisfacente

Sarà ripetuta anche nella notte di domani, a cavallo tra il 27 ed il 28 agosto e anche in altre occasioni, il servizio di controllo ad opera dei vigili urbani di Lanciano, che su disposizione del Sindaco di Lanciano Filippo Paolini, hanno già effettuato il servizio nell’ultimo fine settimana. I soddisfacenti risultati conseguiti, la collaborazione che molti giovani hanno mostrato, come risulta dalla relazione che il comandante del corpo frentano, Guglielmo Levante, ha trasmesso al primo cittadino, hanno dimostrato l’importanza del servizio notturno.

Dalle ore 22 alle ore 4.30 del mattino del’ultimo fine settimana, alcuni operatori di Polizia Municipale, che si sono offerti volontariamente, e cioè i Tenenti Mucciante e Canti e gli agenti Giancristofaro e Susi, hanno svolto un’attività di prevenzione e repressione di quelle condotte che, più di altre, si pongono notoriamente come fattori di grave rischio per la sicurezza della circolazione stradale e per l’incolumità pubblica. Oltre alla verifica della corretta osservanza delle norme che impongono l’uso dei sistemi di ritenuta e protezione individuale (cinture di sicurezza e caschi), la copertura assicurativa per la R.C.A., ed il mantenimento dei veicoli in condizioni di efficienza (revisioni periodiche), gli operatori di P.M. hanno proceduto ad un largo impiego delle strumentazioni in dotazione al Corpo per riscontrare l’uso di alcol da parte dei conducenti. Sono stati 50 i veicoli controllati nella zona del Terminal Bus in Valle Pietrosa, gli operatori hanno riscontrato 14 violazioni amministrative alle quali hanno fatto seguito, oltre alle previste sanzioni pecuniarie, la decurtazione di un totale di 30 punti sulle patenti di giuda ed un fermo su un motociclo per 30 giorni. Solo 3 i conducenti risultati positivi all’alcol test, ma per i valori al di sotto della soglia punibile. Degna di rilievo, è stata la circostanza che ha visto più di una decina di ragazzi, giovanissimi, avvicinare il personale della P.M., per richiedere spontaneamente di essere sottoposti all’esame con l’etilometro, proprio per verificare che non si trovassero in condizioni tali da non potersi porre alla guida dei loro veicoli.