Per Chietinstrada Buskers Festival 2010, Di Paolo vs Di Paolo

Rischia di diventare un caso politico nella maggioranza che regge la Giunta guidata dal sindaco Umberto Di Primio la tre giorni del Chietinstrada Buskers Festival 2010. Il botta e risposta tra il consigliere Giovanni Di Paolo e il vice sindaco Bruno Di Paolo, infatti, sta portando alla luce una situazione di nervosismo nella coalizione.

“Il Vice Sindaco Di Paolo, assente da Chieti durante i tre giorni del Chietinstrada Buskers Festival 2010, parla di cose che ignora o conosce solo per sentito dire – ha attaccato  Giovanni Di Paolo -. Di Paolo (vice sindaco) afferma che l’impegno economico del Comune per Chietinstrada è di € 40.000. Non è vero: l’impegno economico del Comune è pari a € 35.100 in quanto 4.900 € sono della Provincia (vedi Bellestate 2010 -Delibera Giunta Municipale n.150 del 13.08.2010). Il vice sindaco Di Paolo, dunque, ignora gli atti della “sua” giunta. Resta il fatto che “lo sforzo economico non proprio irrisorio” del Comune (come lo definisce Di Paolo) quest’anno è di circa 15.000 euro inferiore a quello dello scorso anno, mentre l’impegno delle maestranze del Comune, ad eccezione di quello lodevole della sig.ra Carla Assetta, semplicemente non c’è stato, e i comportamenti di qualche funzionario sono stati più d’intralcio che di aiuto alla manifestazione. Sono d’accordo con il vice sindaco Di Paolo: tutti siamo utili, nessuno è indispensabile, nemmeno lui con la sua arrogante voglia di decisionismo. Perciò, stia tranquillo, non sarà lui a decidere chi, il prossimo anno, dovrà produrre e organizzare il Chietinstrada Buskers Festival 2011: saremo ancora noi, titolari del marchio, del logo e del format della manifestazione. Di Paolo ha intenzione di promuovere un’altra manifestazione analoga? Saremo ben lieti di confrontarci. Non ci sfugge, naturalmente, che la minaccia-ricatto di Di Paolo è quella di non dare più alcun sostegno economico al Chietinstrada.A parte il fatto che non sappiamo se parla a titolo personale o meno (la posizione del sindaco Di Primio ci è sembrata, finora, ben diversa), la nostra risposta non può essere che una: Chietinstrada Buskers Festival, Rassegna Internazionale degli Artisti di Strada, che da 5 anni porta a Chieti centinaia di migliaia di turisti, continuerà a farsi. A Chieti, il 14-15-16 agosto, organizzata da noi, con la direzione artistica di Gigi Russo. Infine, una nota di amarezza: invece di pubblici ringraziamenti riceviamo offese, diffide e minacce. Ci conforta e ci sprona, tuttavia, l’entusiasmo e la gratitudine dei tanti cittadini di Chieti riconoscenti per le splendide tre serate del Chietinstrada.»

Non si è fatta attendere la replica del Vice Sindaco. ”Il Comune non è una mucca da mungere ma un Ente da sostenere se si vuole veramente bene alla propria Città. Richiedere al Comune, quindi alla collettività, la somma di 100.000,00 Euro per una manifestazione di soli tre giorni di per se è immorale specie in un momento così difficile dal punto di vista economico, ma visto che in quattro anni è riuscito ad organizzare l’evento con somme di molto inferiori, mi chiedo quali siano state le ulteriori spese che si sono aggiunte per arrivare a chiedere il doppio di quanto preso lo scorso anno.Inoltre, il Consigliere Di Paolo, dovrebbe imparare un minimo di galateo istituzionale che, come è noto, gli difetta. Infatti, fare la conferenza stampa di chiusura senza neppure invitare il Sindaco è stata una vera e propria mancanza di rispetto cosi come non rivolgere una parola di ringraziamento all’amministrazione dimostra la lontananza siderale in termini comportamentali che divide l’Amministrazione del Sindaco Di Primio da Giovanni Di Paolo.Ma, molto probabilmente il Consigliere, una volta assicuratosi il conquibus – la delibera è infatti datata 13 agosto e si allega alla presente per evidenziare l’ammontare dell’impegno dell’Amministrazione pari a 40.000,00 Euro e non 35.100,00 come afferma in mala fede – ha pensato bene di gettare la maschera e sparare a zero contro un’amministrazione a lui avversa politicamente, ma che ha mostrato serietà concedendogli un sostanzioso contributo, e, non soddisfatto, giocando platealmente sul valore dei numeri della manifestazione, si è permesso di lanciare strali ritenendosi seduto su uno scranno che nessuno gli porterà mai via.Il delirio di onnipotenza è cosa che spesso capita a chi non è abituato ad essere sotto i riflettori e solo con questo posso giustificare l’ennesima caduta di stile che risiede nell’affermazione ridicola che alcuni funzionari comunali sarebbero stati più di intralcio che altro.Ribadisco una volta e per tutte che sarà l’Amministrazione Comunale di Chieti a rifare la manifestazione degli Artisti di Strada il 14, 15 e 16 agosto 2011 con o senza l’associazione “ChietInstrada” perché il Consigliere Di Paolo dovrebbe sapere che tutti sono utili e nessuno indispensabile, e soprattutto che morto un Papa se ne fa sempre un altro…!»