Contributo per il sostengo all’affitto privato, tutto ok a Chieti

“Come volevasi dimostrare il Consigliere El Zohbi mostra i primi segni di appannamento perché per quanto attiene al contributo nazionale per il sostengo all’affitto privato, la delibera, predisposta per tempo, era stata data ai Revisori i quali l’hanno fatta riavere all’Ente in data 22 agosto 2010, guarda caso il 23 agosto 2010, giorno dell’emissione della nota del Consigliere, la Giunta aveva deliberato quella Variazione di Bilancio necessaria per riportare a pareggio i contributi. Per cui posso rassicurare le 250 famiglie teatine che ne hanno fatto domanda che i tempi saranno brevi per poter accedere al fondo di che trattasi”.

E’ la risposta dell’Assessore alle Politiche della Casa, Ivo D’Agostino, alle dichiarazioni del Consigliere Bassam El Zohbi di alcuni giorni fa.

 Discorso diverso per la Variazione di Bilancio relativa al Fondo di Emergenza Abitativa. E’ vero che il Consigliere El Zohbi, quando era assessore, aveva adottato detto Fondo, ma dimentica di informare la cittadinanza, soprattutto le famiglie in attesa, che quando si è proceduto con l’approvazione del Bilancio lui se ne è stato zitto zitto e non ha speso una parola per proporre quella importante variazione. In tal modo ha dimostrato di non avere proprio a cuore il destino di quelle famiglie visto che da ex assessore sapeva fin troppo bene che il Fondo doveva essere rimpinguato, ma in quel contesto, come detto, non ha fatto sentire la sua voce, ricordandosi di questo molto tempo dopo e segnalandolo a mezzo comunicato stampa .Per fortuna, l’Amministrazione Di Primio, che non dorme sugli allori, ma amministra saggiamente, è già corsa ai ripari da tempo ed ha approntato una delibera per rimpinguare il Fondo di Emergenza Abitativa in tempi celeri così da scongiurare ulteriori problemi per i cittadini di Chieti che ne hanno fatto richiesta. Mi sia consentito un invito al Consigliere El Zohbi. La collaborazione tra maggioranza ed opposizione dovrebbe correre sui binari della correttezza istituzionale. Argomento che difetta a tutto il Centro Sinistra che adotta sempre a tutte le latitudini lo stesso approccio alla contrapposizione politica, quello di gettare fango addosso all’avversario specie su temi delicati quali la casa o il sostengo alle persone in difficoltà. Se il Consigliere El Zohbi dovesse ricevere richieste da parte dei cittadini, prima di fare altre brutte figure, può venirmi a trovare in assessorato, la strada la conosce benissimo, ed insieme risolveremo qualunque problema. Ho sempre avuto stima di lui e spero che nel futuro si possano stabilire tra di noi rapporti istituzionali che seppur su posizioni diverse abbiamo quale unico scopo il bene dei cittadini e non la sterile querelle politica per avere spazio sui giornali”