Paura nell’aquilano: quattro le scosse avvertite oggi

La terra trema forte nell’aquilano. Le prime scosse nella notte e stamattina presto, con magnitudo 3.4 e 3.6. Il movimento tellurico è stato avvertito dalla popolazione. Soprattutto il secondo, verificatosi verso le ore 9. Alcuni uffici sono stati fatti evacuare per precauzione. Una replica dell’evento sismico nel pomeriggio, alle 14.06, con magnitudo 3.3. Le località prossime all’epicentro sono Montereale e Capitignano in provincia di L’Aquila, e Borbona in provincia di Rieti. Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano danni a persone o cose.
Molti cittadini si sono allarmati. Sono oltre cento le chiamate giunte da stamane al centralino dei vigili del fuoco. “Si tratta – dicono i vigili del fuoco – per lo più di telefonate in cui ci si chiede cosa bisogna fare, come ci si dovrebbe comportare in queste situazioni. Altre invece sono telefonate in cui la popolazione chiede informazioni sull’entità delle scosse, l’epicentro, la profondità”. Intanto il Comune dell’Aquila segue con la massima attenzione la situazione legata allo sciame sismico in atto nel territorio del comune di Montereale. Ogni possibile provvedimento da adottare a scopo precauzionale sarà deciso nel corso di una riunione, in corso in queste ore in Prefettura. Tra le misure che potrebbero essere adottate la chiusura del centro storico dell’Aquila e il blocco dei lavori nei cantieri della ricostruzione, anche nelle zone periferiche.