Chieti: entro il 17 settembre le domande per i canoni di locazione per le fasce più deboli

L’Assessore alla Politiche della Casa, Ivo D’Agostino, ricorda che scadrà il prossimo 17 settembre 2010 il termine ultimo per la presentazione delle domande relative alla concessione di tributi integrativi da erogare per il pagamento dei canoni di locazione in riferimento all’anno 2009, quale forma di sostengo alle esigenze abitative delle fasce della cittadinanza socialmente più deboli ai sensi della Legge 431/98. Potranno beneficiare dei contributi coloro che sono in possesso dei seguenti requisiti riferiti al nucleo familiare del richiedente: Cittadinanza italiana e / o Stato di residenza; Residenza o attività lavorativa nel Comune di Chieti; Reddito annuale imponibile complessivo del nucleo familiare (ultima dichiarazione) rapportato ai mesi del canone sostenuto, non superiore a due pensioni minime I.N.P.S. Anno 2008 (Euro 11.532,56) rispetto al quale l’incidenza del canone di locazione non sia inferiore al 14% o reddito annuale imponibile complessivo non superiore ad Euro 12.923,8 rispetto al quale l’incidenza del canone di locazione risulti non inferiore al 24%; indicazione del numero dei componenti del nucleo familiare del richiedente; canone mesi efficacia del contratto; dati relativi al contratto di locazione registrato (tipo contratto, soggetto con il quale ha stipulato il contratto di affitto, data e numero di registrazione dell’atto); non sono ammissibili contributi ai soggetti usufruenti di Alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica.

I redditi da prendere in considerazione sono quelli riferiti all’anno 2009, mentre per i canoni di locazione occorre far riferimento a quelli pagati nell’anno 2009. Il reddito convenzionale (Euro 12.923,82) è utile solo ai fini di stabilire il requisito per accedere ai contributi, mentre ai fini dell’incidenza canone/reddito deve farsi riferimento al reddito imponibile.

«Per i nuclei familiari che includono ultrassessantacinquenni, disabili o per altre analoghe situazioni di particolare debolezza sociale – ha dichiarato l’Assessore D’Agostino – il contributo da assegnare può essere incrementato fino ad un massimo del 25% o, in alternativa, in relazione al possesso dei requisiti per beneficiare dei contributi, i limiti di reddito sia per la fascia A che B possono essere innalzati ad un massimo del 25%»

Coloro che non hanno ancora provveduto ad inoltrare domanda di ammissione al predetto contributo per l’annualità 2009 possono recarsi presso l’Ufficio Politica della Casa dove gli impiegati sono a disposizione per ogni eventuale chiarimento per la compilazione del modello di domanda. I modelli per le domande di concessione dei contributi a valere per l’anno 2009 sono disponibili presso: l’Ufficio Politica per la Casa del Comune di Cheti, sito in Viale Amedola, nº 53 (Palazzo Ex I.N.P.S.) tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e nei pomeriggi di martedì e giovedì dalle ore 16.00 alle ore 17.00; Sindacato Inquilini e proprietari del territorio; scaricabile presso il Sito www.comune.chieti.it. Per ricevere informazioni è possibile contattare gli Uffici Comunali ai numeri: 0871 341606 – 341607 – 341608, Fax: 0871 341580. Le domande devono essere presentate presso l’Ufficio Archivio e Protocollo del Comune di Chieti presso la Sede della Banca d’Italia entro e non oltre la data del 17 settembre 2010.