A Pescara arrestata coppia di nomadi per spaccio di droga e estorsione

Due persone sono state arrestate dai carabinieri della compagnia di Popoli a Montesilvano perché ritenute responsabili di spaccio di sostanze stupefacenti, usura ed estorsione. Si tratta di una giovane coppia. I due sono Nicola Di Rocco, di 32 anni, e Elsa Nuccitelli, di 25 anni, nomadi, entrambi nati a Popoli e residenti a Montesilvano. La coppia deve rispondere di concorso in spaccio di stupefacenti, usura, estorsione. In base alla ricostruzione dei carabinieri di Popoli, coordinati dal capitano Pasquale Del Giudice, tra il 2002 e il 2009 i due avrebbero venduto cocaina ai tossicodipendenti e poi avrebbero chiesto interessi da capogiro a chi ritardava nei pagamenti. La percentuale degli interessi superava il dieci per cento per ogni giorno di ritardo e per convincere i debitori li minacciavano, li picchiavano, e in due casi si sono anche impossessati delle automobili. Ad aiutare i due c’erano i familiari, che intervenivano per supportare l’azione intimidatoria. Alcune vittime hanno raccontato tutto ai carabinieri, altre hanno assunto un atteggiamento reticente per cui sono state denunciate per favoreggiamento. Chi non aveva la possibilità di pagare ha chiesto aiuto alle finanziarie. Gli accertamenti dell’Arma, attraverso pedinamenti e intercettazioni, hanno consentito di ricostruire 5 casi. Uno degli episodi riferiti riguarda il caso di un tossicodipendente al quale gli arrestati hanno chiesto 400 euro per 5 grammi di cocaina con un interesse di cento euro per ogni giorno di ritardo.