Secondo sabato di sciopero alla Sevel: per la Fiom ha aderito il 70 per cento dei lavoratori

Per il secondo sabato consecutivo sarebbe stata del 70 per cento l’adesione allo sciopero proclamato dalla Fiom Cgil alla Sevel di Atessa per protestare contro la decisione dell’azienda di ricorrere a 4 sabati di lavoro straordinario per far fronte all’aumento delle richieste del furgone Ducato Fiat e degli omologhi a marchio Peugeot e Citroen. Il dato è stato reso noto dal segretario provinciale della Fiom Cgil Marco Di Rocco, secondo cui la produzione, a fine giornata, si attesterà sui 170 furgoni, la metà di quanto preventivato. Già ieri la Fiom aveva proclamato un altro sciopero alla Sevel, contestando la scelta del lavoro straordinario invece della riassunzione dei 1200 operai – con contratti atipici – licenziati negli ultimi 2 anni. “La prossima settimana – sottolinea Di Rocco – organizzeremo altri scioperi, ciascuno di 2 ore, anche nei giorni feriali. E promuoveremo assemblee aperte anche ai lavoratori delle aziende dell’indotto. Siamo pronti a riprendere il confronto con l’azienda, ma sulla base degli accordi sull’occupazione sottoscritti nel 2005 e da tempo disattesi”.