Discarica abusiva scoperta a Manoppello

Una discarica di rifiuti pericolosi situata a Manoppello su un terreno di proprietà comunale è stata sequestrata dal Corpo Forestale dello Stato. Nella discarica, che si estende su circa 6.000 metri quadri, c’erano anche dei rifiuti pericolosi interrati, oltre a beni in disuso, vecchie lavatrici, televisori, frigoriferi, materiale di risulta delle lavorazioni edili, batterie di auto e pneumatici. Sotto terra c’erano numerose lastre frantumate di eternit. A disporre il sequestro, che comprende anche il capannone di rimessa dei veicoli comunali, e’ stata la Procura della Repubblica di Pescara. Gli scavi che hanno consentito l’individuazione dell’eternit interrato sono stati messi in sicurezza mediante la copertura con teli impermeabili e l’intera zona e’ stata perimetrata e segnalata con paletti metallici, nastro segnaletico e cartelli. Sono in corso le indagini per l’accertamento delle responsabilità, tenuto conto che si tratta di un’area appartenente e gestita dal Comune, in una zona vincolata sia paesaggisticamente che idrogeologicamente a pochissimi metri da un torrente.