L’Aquila, 23enne perde la vita sulla SS17. Chiesta la convocazione della conferenza di servizio

Una giovane dell’Aquila, Laura Scacchitti, di 23 anni, è morta stamane in un incidente stradale avvenuto sulla Strada Statale 17 nei pressi del bivio per Lucoli, alla periferia dell’Aquila. La giovane, alla guida di una Fiat Seicento, viaggiava con la madre in direzione Sassa. Al bivio per Lucoli si è scontrata con un furgone sul quale viaggiavano due operai. La giovane è morta sul colpo, mentre la madre e i due operai sono rimasti feriti, in modo non grave, e sono stati trasportati all’ospedale dell’Aquila. Sul posto la polizia stradale, vigili del fuoco e mezzi di soccorso del 118. Un altro grave incidente che ha portato i consiglieri comunali Enrico Verini (Rialzati L’Aquila) e Fabio Ranieri (PD) rivolta al presidente del Consiglio Comunale dell’Aquila Carlo Benedetti a chiedere al sindaco de L’Aquila, Massimo Cialente, la convocazione immediata della conferenza di servizio, unitamente a Provincia, Prefetto, Comandante della polizia municipale e responsabili delle forze dell’ordine deputate al controllo del territorio, “al fine di programmare e realizzare, in tempi strettissimi, un’azione di coordinamento tra forze, per il controllo di pattuglia sulle strade cittadine; un’azione organica di segnalazione luminosa, di sistemi elettronici di controllo della velocità, di segnaletica generica più puntuale, da porre lungo le vie cittadine; un’azione di pubblicità che coinvolga in maniera più seria i cittadini di zone le cui strade subiscono cambiamenti del senso di marcia, di svincolo e di connessione. L’incredibile e tragico aumento degli incidenti – affermano Verini e Ranieri -, molti dei quali purtroppo mortali che sta caratterizzando in questi mesi la nostra città, il continuo modificarsi della viabilità cittadina con cambiamenti da un giorno all’altro del senso di marcia, del numero di corsie lpercorribili, degli innesti e degli svincoli che su di essa insistono, L’aumento, in seguito alla nuova dislocazione della popolazione dell’Aquila nelle zone delle nuove residenze provvisorie del progetto CASE e dei MAP, del flusso automobilistico in vie in precedenza non molto frequentate e oggi trafficatissime, l’aumento esponenziale, da prevedersi ancor più corposo per il futuro, del traffico di mezzi pesanti e non , legati ai cantieri degli edifici in riparazione, il cattivo stato della viabilità, per i continui lavori in corso e per il carico abnorme di pesi che il manto stradale subisce a causa dell’alta frequenza di mezzi pesanti che vi transitano, la poca presenza sulle strade di mezzi di dissuasione elettronica, di cartelli con inviti alla prudenza, di dissuasori di velocità e soprattutto di controllo sulle strade da parte dei soggetti deputati a effettuare tale controllo, la necessità di coinvolgere anche enti terzi, rispetto al Comune dell’Aquila, essendo alcune strade cittadine di pertinenza provinciale e statale, sono problemi che vanno affrontati con urgenza”.