La Finanza scopre truffa all’erario per oltre due milioni di euro

Le Fiamme Gialle di Popoli, al termine di una complessa attività di indagine tra i territori dei comuni di Manoppello, Scafa, Chieti, San Giovanni Teatino e Pescara, ha portato alla luce un elaborato piano volto a sottrarre ingenti somme di denaro alle pretese creditorie dell’Agenzia delle Entrate, dell’INPS e dell’INAIL, dovute a titolo di tasse e contributi e, contestualmente,  all’emissione e/o l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti. Le indagini sono scaturite da una serie di verifiche fiscali eseguite nei confronti di 25 tra società e/o ditte individuali, coinvolte in un vasto giro di imprese inesistenti formalmente intestate a “prestanomi” di nazionalità prevalentemente slovacca. Tutte le realtà aziendali, operanti nel settore edile, sono risultate di fatto riconducibili ad un unico soggetto di Manoppello, operante in Abruzzo e nelle Marche che, avviati contatti con alcuni soggetti residenti in Slovacchia, li reclutava come maestranze da impiegare nel settore edile, con la  promessa di un compenso mensile, oltre a fornire loro vitto e alloggio.

All’arrivo in Italia, facendo leva sulla scarsa conoscenza della lingua e delle leggi che regolano il nostro paese, venivano fatti firmare ai cittadini Slovacchi una serie di documenti che, con il miraggio di regolarizzare la posizione, celava la reale intenzione di formalizzare la richiesta di attribuzione di nuove partite IVA . Gli ignari lavoratori si sono ritrovati, quindi, ad essere titolari di ditte individuali o legali rappresentanti di società. Le ditte, tutte costituite da soci di nazionalità prevalentemente slovacca ma, di fatto, riconducibili ad un cittadino di Manoppello, erano state realizzate al fine di appaltare lavori edili che poi venivano eseguiti dagli stessi slovacchi, nella convinzione di essere stati regolarmente assunti dall’imprenditore italiano. Quest’ultimo, poi, incassate le somme di denaro, fatturava gli importi ricevuti in nome e per conto delle neo società, di fatto inesistenti. Insomma, un giro di fatture relative ad operazioni inesistenti, allo scopo di generare falsi costi e di conseguire indebite detrazioni d’imposta, evitando così anche il pagamento di ogni spettanza contributivo – previdenziale inerente i lavoratori stessi. Da un normale rapporto di dipendenza tra datore di lavoro e dipendente, si era passati, in breve tempo, a prestazioni rese da lavoratori autonomi che avrebbero dovuto personalmente far fronte ad ogni incombenza di carattere contributivo – previdenziale, 

I  finanzieri hanno così concluso una articolata indagine che ha permesso di accertare come, nell’ultimo quinquennio, siano state emesse fatture per operazioni inesistenti pari a circa € 2.700.00,00, di segnalare elementi positivi di reddito non dichiarati per circa € 718.000,00 e  violazioni all’IVA per circa € 500.000,00 .

Infine, 20 partite IVA  sono state segnalate all’Agenzia delle Entrate per il  provvedimento di chiusura. Le indagini, che hanno occupato la Tenenza della Guardia di Finanza di Popoli per circa un anno, sono state condotte sotto la direzione del Sostituto procuratore di Pescara, Dottoressa Barbara del Bono che ha emesso l’avviso di conclusione delle indagini nei confronti di 7 persone imputate a vario titolo per diversi reati che vanno dalla  dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture per operazioni inesistenti, all’emissione di fatture per operazioni inesistenti ed alla sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte.

Quattro degli imputati, tutti tra i 43 e 57 anni, risultano residenti in Manopello, uno a Pescara ed uno in S. Giovanni Teatino.