Fermata alla stazione con 100 grammi di cocaina. In manette donna napoletana

Poco meno di un etto di cocaina è stata sequestrata dalla Guardia di Finanza di Pescara ad una napoletana, tratta poi in arresto. Il fermo è stato operato dai finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Pescara che hanno sottoposto a controllo i passeggeri in arrivo a Pescara nei pressi della stazione ferroviaria centrale. La cinquantacinquenne  Rosa Mmmano era appena giunta in città da Napoli a bordo di uno degli autobus di linea che quotidianamente fanno la spola tra le due località. Le Fiamme Gialle l’avevano individuata tra i tanti in quanto tradita da una certa impazienza e nervosismo alla vista dei militari. Alla richiesta del documento di identità, la stessa in realtà consegnava anche un involucro di cellophane bianco, contenente circa cento grammi di cocaina; un gesto di sconforto e di delusione per essere nuovamente incappata in un controllo della Guardia di Finanza. Difatti, una volta identificata, i finanzieri appuravano che si trattava di una vecchia conoscenza: verso i primi di luglio, era stata fermata sempre in città dalle Fiamme Gialle della Compagnia di Pescara, a bordo di una autovettura con 8 confezioni di cocaina purissima per complessivi 260 grammi. Anche allora scattarono le manette per la napoletana e per il suo compagno di viaggio, ma la circostanza di non avere precedenti le aveva sicuramente consentito di riacquistare presto la libertà. Ora il nuovo arresto e la traduzione presso la Casa Circondariale “Madonna del Freddo” di Chieti. Oltre alla droga, i finanzieri hanno sequestrato 650 euro in contanti, probabilmente il compenso per il trasporto, nonché due telefoni cellulari. Lo stupefacente sequestrato se immesso sul mercato avrebbe fruttato almeno novemila euro. Le indagini, coordinate dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Pescara, dott.ssa Mirvana DI SERIO, sono indirizzate ad individuare fornitori e destinatari della droga sequestrata.