Le ultime dal Palazzo di Città di Chieti

Il Consiglio comunale di Chieti è stato convocato per prossimo 26 ottobre 2010, alle ore 9.30,  presso la sala delle adunanze del Palazzo provinciale in Corso Marrucino. All’ordine del giorno della seduta figurano le l’approvazione dei verbali delle sedute: 23, 27, 31 agosto e 1° settembre 2010; l’interrogazione presentata dal con. Alessandro Marzoli: “Video promozionale sulla città di Chieti. Costi e diffusione”; l’adesione alla fondazione denominata “Onlus Santa Rita Fondazione Oncologica Italiana delle malattie rare ed emergenti”; Ratifica delibera di Giunta Comunale del 16.9.2010, n. 185. Variazione del bilancio di previsione 2010; Ratifica delibera di Giunta Comunale del 28.9.2010, n. 194. Variazione del bilancio di previsione 2010; la sdemanializzazione di relitti stradali di proprietà comunale siti in Chieti, via Picena.

Dati sull’Assistenza Domiciliare Integrata

L’Assessore alle Politiche Sociali, Emilia De Matteo, ha presieduto un incontro con le Organizzazioni Sindacali, le Associazioni, le Cooperative e la ASL sul Piano Locale della Non Autosufficienza (P.L.N.A.) del Comune di Chieti approvato dalla Giunta Di Primio il 12 maggio 2010. “Per l’Assistenza Domiciliare Integrata (A.T.I.) il Dott. Emidio Mastrovecchio, Dirigente Medico dell’Area Distrettuale di Chieti, ha reso noti i dati sull’attività – ha detto l’assessore -. Da gennaio a settembre sono stati 404 i pazienti trattati di cui il 70% over 65 anni. Le richieste pervenute dal Comune di Chieti sono state, quindi, tempestivamente evase a seguito di valutazione da parte dell’Unità di Valutazione Multidisciplinare che ha esaminato i singoli casi definendo le specifiche autorizzazioni al trattamento. Va sottolineato che per la prima volta il Piano Locale della Non Autosufficienza ha preso in considerazione la consegna degli assegni di cura. La sinergia tra il Comune e la ASL per quanto attiene l’integrazione socio-assistenziale sul territorio ha dimostrato la sua validità in termini di grande vantaggio soprattutto per le persone affette da gravi problematiche sanitarie e sociali. L’incontro fa seguito a quelli già svolti nel corso dell’anno come concreta azione di partecipazione e coinvolgimento di tutte le parti interessate del Sociale”