Luciano Violante (PD): “Un tribunale per ogni provincia”

Tagliare via almeno un terzo dei tribunali “perché ce ne sono troppi che costano troppo e bisogna avere un tribunale in ogni capoluogo di provincia”.

E’ quanto ha affermato il responsabile Riforme del Pd, Luciano Violante, parlando a margine del convegno di Asolo sulla legalità. Dunque, rispunta all’orizzonte la questione della soppressione dei tribunali cosiddetti minori, argomento che potrebbe trovare spazio nel dibattito in corso tra le forze politiche in tema di giustizia. Un progetto che interesserà da vicino l’Abruzzo e in particolare i tribunali di Lanciano, Vasto e Sulmona. “Bisogna fare un’operazione che non è costituzionale. Oggi – ha aggiunto Violante, – più della metà dei tribunali non hanno personale sufficiente per funzionare. Abbiamo più tribunali della Francia, spendiamo più della Francia e abbiamo meno efficienza nella giustizia della Francia”. Violante ha quindi ricordato che per il proprio partito in tema di giustizia “su certi punti si può certamente discutere. Si può discutere, ad esempio – ha spiegato – della nascita di una sorta di alta corte per la responsabilità disciplinare di tutte le magistrature, non solo di quella ordinaria. Un organismo composto per un terzo da personalità elette da magistrati, per un terzo elette da parlamentari e per un terzo da personalità designate dal Capo dello Stato. Tutto il resto – ha concluso – serve solo a controllare il pm, ma non a rendere più efficiente la giustizia”.