Teramo si candida a diventare la prima città europea dedicata al Virtual Heritage

Teramo si candida a diventare la prima città europea dedicata al Virtual Heritage ed alla comunicazione virtuale dei Beni Culturali, approdando a novembre, a Paestum alla X edizione della Borsa Archeologica. Ma il grande interesse per questo progetto lo si è toccato con mano a Lucca dove la città e i Civici Musei hanno esposto l’iniziativa riscuotendo un grande successo. Alla presenza di un foltissimo pubblico è stato presentato, infatti,  lo scorso fine settimana, il progetto “Teramo, una città vestita di virtuale”, promosso e realizzato dal Comune di Teramo in collaborazione con il CNR Itabc e l’Università di Merced in California e finanziata da Arcus s.p.a e Regione Abruzzo.

Il tema proposto, l’arte a portata di mouse: divulgare i beni culturali con le nuove tecnologie” è stato introdotto dal Dirigente Generale della Cultura della Regione Molise e sviluppato attraverso la presenza di vari progetti nel settore delle tecnologie applicate ai Beni Culturali. E’ seguito un dibattito che ha evidenziato un concreto interesse per il progetto della città di Teramo del quale sono stati sottolineati tre punti di assoluta forza: l’innovativo approccio ai beni archeologici nello specifico del sito di Largo Torre Bruciata e alla città romana attraverso un I Pod. La valenza internazionale del progetto realizzato anche attraverso la collaborazione con l’Università di Merced in California che sta lavorando per la costruzione di un contenitore virtuale, un’isola in Second Life per la creazione di una rete di collaborazione nel settore del Virtual Heritage con l’obiettivo di progettare master  dal livello elementare a quello altamente specialistico per formatori. Anche qui, collaborazioni con scuola e Università per la creazione di cantieri della virtualità che affiancheranno il progetto stesso con indubbie ricadute nel settore del lavoro e dell’impiego. Ancora una volta, dunque, i dati numerici confermano l’interesse per questo progetto che a breve, dal 19 al 21 novembre, approderà anche a Paestum, alla X edizione della Borsa Archeologica, candidando Teramo a divenire appunto, la prima città europea  dedicata al Virtual Heritage ed alla comunicazione virtuale dei Beni Culturali.