Una tenda nel bel mezzo di corso Trento e Trieste a Lanciano. Critiche dall’IdV e dalla Confesercenti

“Non capiamo come possa l’amministrazione comunale permettere l’organizzazione di un evento di questa portata senza seguire le semplici regole del buonsenso nonché legislative. Ci sembra veramente assurdo porre un gazebo in corso Trento e Trieste che, seppure isola pedonale, impedisce totalmente il passaggio di qualsiasi tipo di mezzo. Nella fattispecie ci riferiamo a mezzi di primo soccorso quali auto-ambulanze, mezzi di carico e scarico merci relativi alle attività commerciali ed infine mezzi che garantiscono la sicurezza del quartiere”.

La denuncia arriva dal Pierluigi Vinciguera, Capogruppo IDV Cons. Com. Lanciano, e Emilia G. Paolini, del Direttivo Provinciale IDV Chieti, Quel che i due esponenti dipietristi contestano è la scelta della location dell’evento, che comprende parte di Corso Trento e Trieste, il Palazzo degli Studi e Piazza Pace.

“Chiediamo una risposta immediata da parte del Sindaco Paolini in primis e della amministrazione affinché questo disagio non si ripeta più e nella speranza che, nel momento in cui si decida di  effettuare manifestazioni, si pensi alla cittadinanza e non solo all’allestimento ed alla riuscita della stessa”.

In proposito è intervenuto anche il presidente della Confesercenti di Lanciano, Claudio Ucci. “La scelta di piazzare la tensostruttura lungo corso Trento e Trieste non è certo di chi ha organizzato l’evento, quanto, invece, dell’Amministrazione comunale. Ritengo però che iniziative come quella di tenere dal 29 ottobre al 1 novembre il 4° Salone del Cioccolato con alimenti di grande richiamo, sia comunque importante. Mi auguro che i commercianti tengano le loro attività aperte”.