Ridisegno dei nuovi collegi elettorali provinciali, D’Amico (PD), sollecita confronto

“Sulla proposta di ridisegno dei nuovi collegi elettorali provinciali elaborate dalla prefettura sulla quale la giunta ha apportato delle osservazioni e modifiche è mancato un partecipato confronto di merito- così afferma il capogruppo del P.D. alla provincia di Chieti Camillo D’Amico in merito alle polemiche si stanno elevando dal territorio dopo la delibera che ha vistato la proposta del nuovo dimensionamento dei collegi elettorali provinciali – ma, soprattutto, del tempo utile e necessario per fare un analisi più vasta ed equilibrata e ridurre degli squilibri evidenti. Con ogni probabilità, saranno rimossi solo dopo il censimento generale del prossimo anno quando il dato abitativo sarà più attuale di quello del 2001 preso a riferimento; a tal riguardo ci consolano le rassicuranti parole del prefetto di Chieti Vincenzo Greco, incontrato da una nostra delegazione, il quale ci ha comunicato che, la provincia di Pescara, pur dimensionando la proposta su 18 collegi attuali ha già in serbo un immediata rivisitazioni in quanto, dai dati abitativi correnti, avrebbe titolo a 24. Solo se la legislatura non trovi interruzioni traumatiche anticipate che sono  sempre possibili, soprattutto al cospetto di  coalizioni ampie e poco coese, contiamo di poter tornare sull’argomento e concorrere a definire un assetto meno cruento e punitivo, come quello attualmente disegnato dal centro – destra che ha visibilmente penalizzato Vasto ed il vastese e favorito gli altri grandi centri della provincia; tra l’altro se, nella delibera di giunta, si fa espresso riferimento alla possibilità di rivisitazione dopo il censimento generale del 2011 lo è proprio perché, i gruppi di centro – sinistra, nell’unico momento vero di confronto di merito che c’è stato, la riunione dell’ufficio di presidenza, hanno voluto con fermezza convinta questa determinazione.”