L’Abruzzo lancia Pier Ferdinando Casini premier alle prossime elezioni politiche

“È dalla base che deve venire la spinta per offrire al Paese uomini ed idee che possano essere protagonisti del futuro dell’Italia, sia a livello locale, sia a livello nazionale: il futuro Partito della Nazione sarà il catalizzatore di queste energie, aprendosi alle forze sociali e civili del territorio pronte a mettersi in gioco. Questo ampio schieramento, moderato e responsabile, non può che essere guidato da Pier Ferdinando Casini, che ha le risorse umane e politiche e le capacità per poter prendere in mano le redini del Paese”.

Sono le parole pronunciate nel suo intervento il coordinatore regionale, Enrico Di Giuseppantonio, chiudendo, a Mosciano Sant’Angelo, un convegno organizzato dal coordinamento provinciale di Teramo sul tema: “Come ricercare un miglior radicamento dell’Udc sul territorio”, insieme al coordinatore provinciale Alfonso Di Sabatino e al presidente del coordinamento provinciale, Enrico Robuffo.

“A noi non interessa – ha continuato Di Giuseppantonio – quando si andrà a votare per le prossime elezioni politiche, poiché crediamo che chi è stato eletto dal popolo abbia il diritto e il dovere di governare. Noi siamo impegnati, sotto la guida del segretario nazionale Lorenzo Cesa, nella costruzione del nuovo Partito della Nazione che punta ad aprirsi a tutte le esperienze sul territorio per restituire ai cittadini il gusto della bella politica. Abbiamo avviato la campagna del tesseramento che ci porterà alla celebrazione dei congressi e vogliamo sperimentare anche nuove forme di aggregazione, riprendendo l’idea delle sezioni ambientali, che possano nascere nei luoghi di lavoro e nei centri di aggregazione, lì dove si svolge la vita quotidiana degli uomini e delle donne del nostro Paese che vogliamo siano protagonisti della nuova stagione di rinascita politica e civile dell’Italia”.