L’IdV: “Dopo di noi anche Rifondazione dice no alle primarie a Lanciano”

“Dopo aver letto attentamente le dichiarazioni del Segretario Provinciale del PRC, Riccardo Di Gregorio,  non posso che essere in accordo con le motivazioni esposte riguardo le Primarie che si terranno a Lanciano il 14 novembre. Già in accordo con i vertici Regionali dell’IdV: Sen. Alfonso Mascitelli, Lucrezio Paolini, ed alla presenza del Coordinatore Cittadino Michele Marino, dichiarammo di non partecipare alle primarie in quanto non contemplate come metodo dal nostro  partito e soprattutto in quanto non esistevano ed esistono le condizioni per portale avanti – dichiara Emilia G. Paolini, del direttivo Provinciale IDV Chieti. All’indomani della manifestazione per sostenere le primarie, che ha visto la presenza a Lanciano, del segretario nazionale del Partito Democratico, Pier Luigi Bersani, la sinistra frentana deve registrare un altro no alle consultazioni di domenica prossima, 14 novembre, per la scelta del candidato sindaco alle comunali del 2011. Rifondazione comunista, infatti, come già fatto in precedenza dall’IdV, ha deciso di non prendervi parte. Di Gregorio ha motivato la decisione, condivisa dal partito a Lanciano “perché si ritengono le stesse un’esclusiva legittimazione della candidatura di Mario Pupillo e non una vera e propria competizione all’interno della quale sia possibile avere un confronto sulle idee e proposte da presentare alla cittadinanza come alternativa di governo all’attuale amministrazione che ha di fatto paralizzato la città. l’ennesimo tentativo di addivenire ad un accordo tra i partiti della sinistra (PRC, PDCI, VERDI, SeL) per la formazione di una lista unitaria da presentare alle elezioni del 2011 (pur sempre nell’ambito della coalizione del centro-sinistra) sia tramontato a causa della ormai nota “malattia” (le elezioni provinciali dello scorso anno sono state l’emblema) di essere per forza di cose subalterni al PD. Inoltre se analizziamo anche il dato assolutamente non trascurabile della mancata partecipazione alle primarie dell’IDV si evince palesemente che non si tratta di primarie di coalizione ma esclusivamente di un modo per tracciare più velocemente la linea dettata dal partito di maggioranza relativa”.

Posizione condivisa dalla Paolini, che aggiunge: “Si tratta di una strategia che in questo momento è perdente, in quanto cerca di legare i vari partiti ad una idea del PD, rendendoli sudditi e pari. Le Primarie auspichiamo che siano un punto di partenza per aprire un vero e proprio tavolo di trattative.

Intanto il Pd lancianese ha allestito i seggi per domenica. Si potrà votare a Lanciano centro/corso: Via Monte Maiella, 93 (vicino Torre Aldo Rossi, ex enoteca Cento-Vini) – sezioni 1,2,20: Lanciano San Pietro: Viale Cappuccini 141, (Ex Istituto Paritario, di fronte Pizzeria del Golfo) – sezioni 10,11,12,13,19,21,22,23,28,31,38,39,40,43; Lanciano Santa Rita:-Via Villante, Sala della Cultura della chiesa parrocchiale– sezioni 15,16,17,18,24,25,26,27,29,30,33; Lanciano Olmo di Riccio: Via del Mare (a fianco al Bar Isabella) – sezioni  3,4,35,36,37; Lanciano via del Verde: Sede Partito Democratico, Via del Verde 15 (vicino enoteca PerBacco) – sezioni 5,6,41,42,44; Lanciano quartieri storici: Largo Tappia 12, di fronte palazzo De Giorgio. 7,8,9,14,32.