Rifiutopoli, si va verso la chiusura dell’inchiesta

La procura di Pescara ha chiuso l’inchiesta sui rifiuti riguardante la realizzazione a Teramo di un impianto di bioessiccazione. Nell’ambito delle indagini, nel settembre scorso, sono finiti agli arresti domiciliari l’ex assessore regionale alla sanità Lanfranco Venturoni, attualmente all’obbligo di dimora, e l’imprenditore Rodolfo Di Zio. Oltre a loro sono indagati i senatori Fabrizio Di Stefano e Paolo Tancredi; l’imprenditore Ettore Di Zio; Paolo Bellamio; Sergio Saccomandi; Vittorio Cardarella; Giovanni Faggiano; Ottavio Panzone. Probabilmente usciranno di scena l’ex assessore regionale Daniela Stati e il sindaco di Teramo Maurizio Brucchi. Il pool di magistrati titolare dell’inchiesta, composto dal procuratore capo Nicola Trifuoggi e i sostituti Gennaro Varone e Anna Rita Mantini, potrebbe stralciare le loro posizioni per archiviarle.