Maltempo, nell’aquilano allagamenti e strade interrotte

La pioggia battente che da più 36 ore interessa il territorio aquilano sta impegnando oltre 20 squadre di vigili del fuoco del Comando Provinciale de L’Aquila e delle colonne mobili di soccorso degli altri Comandi Provinciali dei Vigili del Fuoco che sono a tutt’oggi presenti sul territorio in supporto al personale locale. Le aree del territorio che al momento risultano le più interessate e colpite dagli eventi meteorologici avversi sono quella di Pile, dove sono stati portati a termine svariati interventi di soccorso ad animali e di messa in sicurezza di beni in alcune aziende e la zona di Montereale dove sono, tuttora in corso, interventi per danni provocati dall’acqua. Al momento risultano espletati, dalle squadre dei vigili del fuoco operanti sul territorio, oltre 80 interventi di soccorso.

L’occupante di un rifugio di Opi, in località “Aia dell’ozzo”, è stato tratto in salvo da un carro gru privato dopo che il rifugio dove vive è stato allagato dall’esondazione del fiume Sangro. L’ondata di piena ha spazzato via tutto, tavoli per i pic-nic e allestimenti esterni, oltre a sommergere per oltre un metro il piccolo edificio. L’uomo, di 58 anni, non potendo più vivere nel rifugio, dove periodicamente allestiva un punto ristoro, sarà ospitato da familiari.

Forti raffiche di vento hanno spazzato questo pomeriggio diverse aree teramane soprattutto quelle montane. I vigili del fuoco di Teramo sono stati allertati per rimuovere rami e tronchi sulle strade a Sant’Onofrio di Campli, ad Isola del Gran Sasso mentre a Borgo Nuovo di Teramo il vento ha scoperchiato il tetto di un’abitazione. A Isola del Gran Sasso si sono verificati disagi alla circolazione: un pullman dell’Arpa è rimasto bloccato per la caduta di un tronco. Fortunatamente non si segnalano danni a persone né incidenti.

A seguito degli ingenti danni provocati dalle piogge persistenti di questi giorni il Comune dell’Aquila ha chiesto al presidente della Regione Abruzzo di farsi parte attiva per far proclamare per il territorio comunale lo stato di emergenza e di calamità naturale. “Le intense precipitazioni che si protraggono ininterrottamente dalla giornata di ieri – ha dichiarato l’assessore all’Assistenza alla Popolazione Stefania Pezzopane – hanno prodotto enormi danni in numerose frazioni e in diverse zone del territorio comunale. Si sono registrati sia fenomeni di esondazione che movimenti franosi, con danni anche alle attività produttive e all’agricoltura. In attesa di una stima di questi ultimi, la Questura e i Vigili del Fuoco hanno dovuto provvedere anche all’evacuazione di alcune abitazioni. Il Comune dell’Aquila è in stato di allerta e tutte le unità tecniche e di Polizia Municipale sono impegnate nelle operazioni di emergenza e monitoraggio del territorio. È evidente – ha proseguito l’assessore Stefania Pezzopane – che siamo di fronte a un evento importante e per questa ragione abbiamo chiesto ufficialmente alla presidenza della Regione di farsi parte attiva nel richiedere per il Comune dell’Aquila lo stato di emergenza e di calamità naturale. È stata una giornata difficile. Dobbiamo far fronte a questa nuova emergenza, – ha commentato l’assessore –  mentre ancora affrontiamo quella connessa al sisma, con il paradosso di dover fornire assistenza alloggiativa a famiglie già sfollate a causa del terremoto e ora costrette a lasciare anche le attuali abitazioni”.

Un treno della ferrovia Avezzano-Cassino, che trasportava studenti, si è scontrato con un grosso ramo staccatosi, a causa del vento forte, da un albero e caduto sui binari tra le stazioni di Morino e Castronovo, nella Valle Roveto. Il macchinista ha frenato tempestivamente ma non è riuscito a evitare l’impatto che ha danneggiato la motrice. Sul posto per rimuovere il ramo sono intervenuti i vigili del fuoco di Avezzano coadiuvati da quelli dell’Aquila e gli studenti sono stati portati a destinazione con un bus sostitutivo messo a disposizione da Trenitalia. Difficile la situazione lungo la Tiburtina all’altezza di Tagliacozzo. La strada è impercorribile in più punti a causa di allagamenti. Diversi negozi di Avezzano nella centralissima via Marconi sono rimasti allagati. Il fiume Imele è straripato in diversi punti tra Villa San Sebastiano e Scurcola Marsicana allagando campi e casolari. Straripati in diversi tratti anche il fiume Salto e il fiume La Raffia nei pressi di Magliano. Frane anche lungo la statale 82 tra Capistrello e Sora (Frosinone). La strada è stata chiusa in diversi punti.