E’ arrivata la neve. Precipitazioni in tutto il chietino. Disagi per la circolazione

Come da previsioni è arrivata la prima neve sulle località della costa adriatica, in particolare nel chietino. Il manto bianco è sceso su varie località, creando problemi alla circolazione, soprattutto per la presenza di ghiaccio a causa delle temperature basse. Neve anche all’interno, dove i problemi sono maggiori perché le precisazioni sono state più intense. La situazione generale potrebbe cambiare nelle prossime ore: sono annunciate altre nevicate.

“La macchina dell’emergenza messa a punto dalla Provincia di Chieti ha sostanzialmente fatto un buon lavoro e tutte le zone, soprattutto quelle costiere, investite più delle altre dall’ondata di maltempo di ieri notte, sono state spazzate dai mezzi provinciali»: così il vicepresidente della Provincia ed assessore alla Viabilità, Antonio Tavani, sintetizza il lavoro fatto dai dipendenti dell’ente che questa notte hanno fatto subito scattare il “Piano neve”, già messo a punto nelle scorse settimane.

«I primi mezzi spazzaneve e spargisale – ha precisato Tavani – sono stati azionati alle 21.30 ed hanno lavorato per tutta la notte, privilegiando le zone dove la neve è stata più insistente. Tutto il territorio comunque è stato verificato e questa mattina si registravano solo piccoli disagi, legati alla temperatura che non ha permesso nel corso della notte l’azione efficace del sale, che comunque ha iniziato a sciogliere il ghiaccio con l’arrivo del mattino, grazie anche al sole che ha illuminato le prime ore della giornata”. Le strade provinciali sono tornate ad essere perfettamente transitabili, anche se raccomando la massima prudenza nel mettersi alla guida, specie nelle ore serali. L’allerta meteo è ancora valida, quindi tutti i mezzi e tutto il personale, che ringrazio per la sua opera infaticabile di questa notte, sono pronti ad intervenire non appena ce ne sarà la necessità”.

A Pianella è stato decretata l’allerta. Mobilitati i mezzi spazzaneve pronti a entrare in azione in qualsiasi momento. Il sindaco Giorgio D’Ambrosio,  ha detto che “già da ieri l’amministrazione era stava avvisata della probabile nevicata, che puntualmente si è verificata di notte. Fortunatamente non si è trattato di un fenomeno di grosse dimensioni. Intanto è ripreso a nevicare sulla costa teramana, specie, nella zona sud dove si segnalano i primi disagi alla circolazione. Fiocca dal primo pomeriggio di oggi ed i vigili del fuoco sono alle prese con auto in panne sulla strada ed in alcuni tratti il traffico è in difficoltà. Nevica abbondantemente anche a Teramo città ma non si segnalano disagi. A Montesilvano, il sindaco Pasquale Cordoma, ha firmato per domani un’ordinanza di chiusura delle scuole di ogni ordine e grado. L’amministrazione comunale di Castel di Sangro ha attivato le procedure per la richiesta dello stato di calamità in seguito ai danni provocati dall’alluvione del 1/o dicembre, quando il fiume Sangro esondando ha divelto gli argini creando danni a strade, condutture di acqua, fogna e attività commerciali. Le schede, corredate da rilievi tecnici e fotografici, sono state inviate alla Regione Abruzzo che dovrà trasmetterle ai Ministeri competenti. Il fiume Sangro, ingrossato dall’enorme portata che ha raggiunto i 170 metri cubi al secondo, in più punti presenta instabilità delle sponde, dovuta all’accelerazione del deflusso in testa all’onda di piena. “Bisogna intervenire subito – ha affermato il sindaco di Castel di Sangro – per evitare che nuove ondate di maltempo finiscano di aggravare un situazione già compromessa. I danni secondo una prima stima ammontano a circa 1,2 milioni di euro e una parte di questi potrebbe essere subito dirottata sui lavori necessari alla messa in sicurezza del fiume e alla ripulitura dell’alveo – conclude Murolo – in più punti ostruito dai detriti portati a valle dalla piena”.

In serata il sindaco di Pescara, Luigi Albore Mascia, ha firmato l’ordinanza con la quale ha disposto la chiusura per 48 ore, e quindi per domani e dopo domani, di tutte le scuole di ogni ordine e grado, della città. L’obiettivo del primo cittadino è di limitare gli spostamenti sul territorio e agevolare i collegamenti, si legge in una nota del Comune. Giovedì si decidera’ sull’eventuale riapertura delle scuole o, se la situazione di maltempo dovesse continuare, sull’estensione dei giorni chiusura.