Chieti, il piano neve non ha funzionato a dovere. Critico il PD con l’assessore Tavani

“All’assessore – vice presidente della provincia di Chieti con delega alla viabilità, Antonio Tavani, consiglio di seguire con più frequenza ed attenzione il sito www.ilmeteo.it così da poter più facilmente pianificare il servizio di manutenzione stradale per la pulizia della neve e ghiaccio dandogli quell’efficacia e prontezza nell’intervento non verifacatasi in questi giorni di tormenta”. Così esordisce il capogruppo del P.D. alla provincia Camillo D’Amico a commento dei palesi ritardi dimostrati dal servizio viabilità dell’ente nell’affrontare l’emergenza neve e ghiaccio presenti su tutto il territorio in particolare sui comuni della costa. “La Provincia di Chieti è intervenuta con notevole ritardo. Il personale interinale è stato riassunto per tempo e nel numero sufficiente a gestire l’emergenza ma è la carenza dei mezzi oltre ad una pasticciata programmazione che ha prodotto ritardi ed inefficienze che hanno interessato un po’ l’intera provincia soprattutto i comuni dell’alto vastese; come sono lontani i tempi in cui, con Antonio Tamburrino assessore delegato, la Provincia prendeva applausi dai cittadini e non desolanti fischi e proteste come sta accadendo in questi giorni. Il presidente Di Giuseppantonio fa bene a sollecitare una terza corsia per la nostra tratta autostradale ma farebbe bene a riprendersi il timone dell’Amministrazione che dirige facendola essere più attenta ai bisogni della gente e del territorio oltreché presente a raccogliere le sfide che la crisi economica ci lancia tornando a giocare la partita da protagonisti attivi”.

“Per due giorni di seguito gran parte delle strade provinciali sono state ricoperte di ghiaccio – dichaira il consigliere Angelo Radica (foto a destra) – generando problemi per la viabilità e l’incolumità degli automobilisti e dei pedoni. Assolutamente insiffuciente il lavoro svolto dalla Provincia sia nell’attività di pronto inteventi sia di spergimento sale per evitare il ghiaccio. Continua Radica “Mai abbiamo visto una situazione così. Intere arterie bloccate, strade ricoperte di ghiaccio, automobilisti che hanno vagato per intere ore cercando di evitare interi tratti non particabili, mezzi che non sono riusciti ad evitare il formarsi del ghiaccio. Ma non doveva essere questa la Provincia che sio metteva alla testa dei mezzi meccanici dell’Ente ? Dov’erano i nostri amminstratori mentre si trattava di intervenire ? Eppure il vi presidente tavani è anche sindaco di un comune montano quindi dovrebbe essere esperto di piani neve”. “Ben diversa è stata la situazione affrontata nel 2005 dalla passata amminsitrazione che aveva messo in campo un piano neve puntuale ed efficiente – conclude il Consigliere Radica.