Lanciano, alle prossime comunali l’IdV insieme alle forze di centro sinistra

“A questo punto per noi sono sciolte tute le riserve: Mario Pupillo è anche il nostro candidato. Un ottimo candidato, che presto sarà anche un ottimo sindaco”.

L’IdV di Lanciano, attraverso il suo ordinatore cittadino, Michele Marino, ha dunque deciso di entrare a far parte del cartello delle forze di centrosinistra che vede già schierati Partito Democratico, Partito Socialista, Sinistra Ecologia e Libertà, Comunisti Italiani e Verdi. Un annuncio che era nell’aria, deciso dopo l’assemblea degli iscritti dell’Italia dei Valori che si è riunita nella sala del Bar Novecento, proprio per discutere sull’adesione alla coalizione del partito di Di Pietro.

“I presenti si sono confrontati con Pupillo, per un paio di ore al fine di condividere dubbi e proposte programmatiche – ha spiegato il coordinatore Marino -. Al termine unanime è stato il consenso dell’IdV verso il candidato, che ha convinto ed entusiasmato tutti per la sua disponibilità, schiettezza e capacità di ascolto. Per correttezza devo solo aggiungere che la rappresentanza politica del partito, da Statuto, compete al segretario regionale. Sono certo che l’onorevole Alfonso Mascitelli non ha dubbi sulle nostre scelte, maturate in un lungo percorso sempre condiviso anche con il segretario provinciale, Alfeo Latini – ha aggiunto Marino.

Da Pupillo la sollecitazione nei confronti del consigliere comunale dell’IdV, Pierluigi Vinciguerra (foto a destra)  “per un ricevere il suo apporto. Così come attendo il contributo del responsabile regionale Ambiente dell’IdV, Gabriele Di Bucchianico, e quello del responsabile provinciale Lavoro e Welfare, Romeo Pasquarelli”. Al prof. Gennaro Di Battista, membro del Direttivo cittadino, che ha sollecitato Pupillo a costituire un gruppo di lavoro di esperti e studiosi che sappia proporre alla città la Lanciano dei prossimi 50 anni il candidato sindaco ha riposto che “con la Lanciano del passato non costruiremo nessun futuro per i nostri figli. Stiamo costruendo delle proposte, propositive e non di sola protesta, che guardano avanti. Presto si vedranno cose nuove: volti ed idee, indirizzate da persone sagge”.