Spaccio di droga stroncato dalla polizia in una casa di Vasto. Arrestati tre rom

Metti che a qualche giorno dai pranzi di Natale e Santo Stefano c’è gente che va in giro a fare jogging per smaltire quanto assaporato a tavola e ti spieghi il motivo per cui tre nomadi, intenti a spacciare droga per strada, a Vasto, mai avrebbero immaginato che dentro quelle tute vi fossero degli agenti di polizia. Eppure è andata così. Il lucroso giro di droga è stato interrotto ieri sera  in un appartamento di via Curtatone, nei pressi di Piazza Verdi. Alle ore 20, è scattata l’operazione denominata “Domus”, che ha portato all’individuazione  di alcuni tossicodipendenti che uscivano dalla casa, da tempo nel mirino delle forze dell’ordine. Gli agenti sono entrati in azione, arrestando Adelaide Bevilacqua, 53 anni e i figli Maria Bevilacqua, 35 anni e Vincenzo Bevilacqua, 25 anni. I rom hanno tentato di disfarsi di 26 dosi di eroina e cocaina, del peso complessivo di 35 grammi, gettandole nel fuoco del camino e nel water, senza riuscirci. Durante le successive perquisizioni, gli agenti del commissariato di Vasto hanno rinvenuto negli slip dell’uomo 6000 euro in banconote di piccolo taglio, presunto provento dello spaccio, mentre Adelaide Bevilacqua e la figlia, secondo quanto accertato, nascondevano la droga nei reggiseni. Le donne sono state rinchiuse nel carcere di Chieti, l’uomo in quello di Vasto.