Approvato nella notte il bilancio di previsione della Regione Abruzzo

L’approvazione arriva nella notte. A favore 26 voti  quelli dei gruppi Pdl, Mpa e Fli mentre 11 sono i contrati, i gruppi Pd, Pdci, Api e Idv. Il Consiglio regionale dell’Abruzzo ha dunque detto sì al bilancio di previsione 2011 a conclusione di una lunga giornata e una discussione durata quasi 6 ore, concentrata sull’esame degli 83 emendamenti presentati. Di questi ne sono stati approvati 36, 23 quelli che hanno visto il voto contrario della maggioranza dei consiglieri e 24 quelli ritirati. Tra i principali emendamenti approvati spicca quello per la costituzione di una specifica società della Regione che dovrà occuparsi della valorizzazione e dismissione del patrimonio immobiliare non utilizzato a fini istituzionali. Via libera poi alla riduzione del numero di deroghe festive e domenicali per le attività commerciali, che passano dalle attuali 44 giornate alle 38 per il 2011. L’assemblea ha poi approvato la riforma dei canoni Ater, che d’ora in avanti comprenderanno anche le quote delle autorimesse. Respinti, invece, gli emendamenti sul sorteggio per la nomina dei revisori legali, sulla costituzione della Asl unica regionale, sullo scioglimento dell’Ara con il contestuale passaggio delle competenze all’Arsa e sulla fusione delle 3 società di trasporto regionale. Molti provvedimenti sono stati comunque respinti con l’impegno dell’assemblea a rinviarne la discussione ad un altro momento. Non hanno partecipato al voto finale i consiglieri dell’Udc che hanno abbandonato l’aula dopo la discussione sugli emendamenti.

A conclusione dei lavori, l’intervento del capogruppo del PD Camillo D’Alessandro, che ha difeso l’operato del suo gruppo e sul dato politico ha espresso un giudizio negativo sul Fli, definendolo un flop. “Non abbiamo capito bene le intenzioni politiche di Futuro e Libertà – ha detto -, che nel corso della giornata ha cambiato più volte posizione in merito alla finanziaria. Voglio rimarcare – ha concluso D’Alessandro – il nostro contributo apportato alla maggioranza per cambiare in meglio il bilancio regionale”. Il Capogruppo del Pdl Gianfranco Giuliante: “Il Fli è stato coerente con il suo percorso politico e pertanto ho apprezzato la posizione assunta dai consiglieri regionali di Futuro e Libertà che considero forza di maggioranza – ha spiegato Giuliante -. Il documento finanziario che abbiamo approvato fotografa la situazione reale dell’Abruzzo. Ringrazio l’opposizione per aver contribuito a migliorare il testo contabile e ciò dimostra che insieme possiamo lavorare uniti sui grandi temi che riguardano la nostra regione”. Il Capogruppo di Fli Berardo Rabbuffo: “Voglio sottolineare l’ottimo lavoro svolto dalla commissione consiliare presieduta da Emilio Nasuti che, in poco tempo, è riuscita a licenziare la legge finanziaria regionale – ha osservato il Capogruppo Rabbuffo -. Il nostro partito vuole continuare a lavorare nella coalizione di centrodestra e cercheremo di contribuire a potenziare quei settori, come la Sanità, che riteniamo importanti per consentire al nostro Abruzzo di uscire dalla crisi”.