Bucchi: “Abbiamo raggiunto il 90 per cento dei nostri obiettivi per Teramo”

Gli obiettivi raggiunti nel 2010, costituiscono il 90 per cento dei punti presentati in campagna elettorale del sindaco Maurizio Brucchi. È quanto emerge dal consuntivo tracciato questa mattina dal primo cittadino, che ha indicato nei lavori pubblici e nella viabilità i settori in cui si è svolta un’intensa attività realizzativa, con il piano urbano del traffico e dei parcheggi, annunciando per il 2011 l’entrata in funzione dei parchimetri, delle telecamere al posto dei varchi elettronici e la realizzazione di tre rotonde alle porte della città, con la soppressione dei semafori, ma soprattutto il senso unico di marcia nelle due circonvallazioni. Sperimentazione, questa, che partirà dopo l’inaugurazione del primo tratto del Lotto zero, prevista entro gennaio. Sul fronte opere pubbliche, il Comune ha speso quasi 4 milioni di euro per gli interventi su ponti, sedi comunali, piazze nelle frazioni, il ricongiungimento dei parchi fluviali. Non solo attività ordinaria, sostiene Brucchi: se il 2010 ha consolidato Teramo come ‘città del pedone e della biciclettà, l’anno che verrà porterà un ampliamento del servizio di bike-sharing e soprattutto le auto elettriche per le guardie muncipali. Ma il 2011 sarà per il sindaco anche l’anno in cui prenderanno vita le grandi opere strategiche per la città, come il polo scolastico – c’è una prima proposta che andrà condivisa con i cittadini e il mondo della scuola-, il nuovo teatro, il recupero del Teatro Romano, ma anche quello dell’Ex manicomio che darà anche una risposta alla domanda di alloggi per gli studenti universitari. Tanto resta da fare ancora per il sindaco per il Lavoro e per rendere attrattivo il territorio a nuove imprese. A macchiare la soddisfazione del sindaco, come lui stesso ha ricordato in conferenza stampa, è stata l’inchiesta giudiziaria sui rifiuti che però ha visto stralciata la sua posizione. «Era una storia che non mi apparteneva e che nel tempo ha dimostrato che abbiamo lavorato bene – ha detto Brucchi – ma sono amareggiato dalla bassa politica e dal fango gettato su temi che non hanno niente a che vedere con la politica». Nonostante questo il sindaco è soddisfatto, del lavoro fatto, delle promesse mantenute e della sua maggioranza, «non ricordo – ha dichiarato – una maggioranza così solida in passato».