Lanciano, bene i conti comunali. Il 2011 all’insegna del nuovo prg

 “Le fibrillazioni nel PdL? Normale quando ci si avvicina a fine legislatura e alcuni cercano spazio per una candidatura. Era già avvenuto nel 2001, quindi non vedo nulla di nuovo”. Dribbla le insidiose domande dei giornalisti come un centravanti affermato Filippo Paolini, sindaco di Lanciano, nell’ultima conferenza stampa come primo cittadino. Il suo mandato è a conclusione e lui evita con eleganza di aggiungere elementi per ravvivare polemiche sulle ultime vicende, che in questi ultimi giorni hanno riempito le pagine dei media (caso Fiera e nomina dei revisori dei conti).  D’altro canto, la sua posizione di coordinatore cittadino del PdL gli impone una certa diplomazia alla quale, ovviamente, si aggrappa volentieri. “Il nodo sul candidato sarà sciolto nei prossimi giorni del nuovo anno – dice -. Aspetto d’incontrare i vertici del partito per iniziare il lavoro di valutazione. Mi auguro che ci sia sintonia, altrimenti saranno gli organismi provinciali e regionali a dover intervenire”. E sul caso Di Fonzo? “So che è stato presentato ricorso al Tar da parte dell’ex presidente di Lancianofiera – dice – vedremo cosa accadrà. Secondo il mio parere, anche se Di Fonzo dovesse trovare ragioni in quella sede, ma ne dubito, si troverà a guidare un cda sul quale non potrà fare molto affidamento”. Sulla questione revisori dei conti, il sindaco ridimensiona quanto accaduto nell’ultima assise civica. “Guardate che alcuni consiglieri del centro destra hanno votato insieme a quelli del centro sinistra guardando al valore professionale di alcuni candidati. Quindi, nulla di strano: quel che è strano è che si voglia colorare politicamente chi è stato nominato”.

Schierato nell’aula delle adunanze consiliari con gli altri rappresentanti della sua giunta (Luciano Bisbano, Paola Bomba, Ermanno Bozza, Eugenio Caporrella, Graziella Di Campli, Marco Di Domenico, assente giustificato Angelo Palmieri), Paolini affronta quanto fatto nel 2010 dal suo esecutivo. Un bilancio tutto sommato positivo, anche sul piano finanziario. Lanciano è tra le poche amministrazioni che non ha tagliato le spese ma che ha incrementato gli investimenti sul sociale, nonostante non ci fossero entrate da oneri di urbanizzazione. “Rispettiamo il patto di stabilità anche quest’anno – dice l’assessore alle Finanze, Bozza -. Siamo riusciti a non allargare i cordoni della spesa. Abbiamo incrementato i capitoli sulla povertà, abbiamo inserito lavoratori in mobilità nella nostre strutture e abbiamo sostenuto quelli in cassa integrazione”.

E sul Prg? Il nuovo piano urbanistico è un altro tema attraverso il quale spesso si è misurato lo stato di salute della maggioranza. Una carta importante da giocare nella prossima campagna elettorale per le comunali. “Fino all’ultimo giorno del mio mandato – annuncia Paolini, anticipando l’invento dell’assessore al ramo, Di Domenico –, proseguiremo la trattazione delle osservazioni. Si sappia che ora anche il centro sinistra ha potuto constatare la nostra trasparenza sul Prg. Anzi, debbo dire che non considero affatto la loro posizione nella sedute come quella di uno schieramento di opposizione, quanto invece di sostegno. Anche perché ci si è resi che non c’è stato saccheggio del territorio. Mi auguro che le discussioni sulle osservazioni si chiuda presto. E’ un piano d’interesse diffuso e il centro sinistra lo ha compreso”. “La maggioranza ha già adotto il Prg lo scorso anno, il 23 dicembre – ricorda l’assessore Di Domenico – . Avremmo potuto rigettare tutte le osservazioni pervenuteci, ma le abbiamo portate in aula, esaminate una ad una per venire per venire incontro a tutte le esigenze”. E poi sugli interventi per il 2011 aggiunge: “I lavori appaltati dall’Urbanistica, si aggirano sui 10 milioni di euro nel 2010 ed hanno riguardato l’ampliamento del cimitero, il parcheggio multipiano e molti altri. Ora tocca ai lavori lungo Corso Trento e Trieste. Abbiamo approvato il progetto preliminare e ci apprestiamo a dire sì a quello definito”.   

Per quanto riguarda le novità, nel settore Ambiente è stato esternalizzato il servizio di raccolta rifiuti e la raccolta differenziata ha raggiunto il 36%. “Potrebbe ancora salire, aspettiamo nuove direttive per quanto riguarda lo smaltimento della gomma – ha detto l’assessore Caporrella, che ha annunciato l’approvazione del progetto per la mobilità sostenibile, con l’acquisto di 60 biciclette e 6 auto elettriche. Il 2010 ha fatto registrare nuovi investimenti per la Cultura e lo Sport. Molte le manifestazioni promosse, che si sono rivolte in particolari ai più giovani. Una ripresa fortemente voluta dall’assessore D’Ortona che, per la verità, che non si registrava da tempo. Il 2011 sarà anche l’anno delle zone a traffico limitato. “Le telecamere (11) sono state tutte posizionate e presto l’acceso nei quartieri storici della città in auto vedrà una riduzione, come avviane in tutte le città che hanno un patrimonio storico-architettonico come il nostro – ha sottolineato l’assessore Di Campli. Sarà bandito un concorso per l’assunzione di nuovi vigili urbani e saranno completati i lavori degli uffici di polizia urbana. Per quanto riguarda il patrimonio, l’assessore Bisbano ha evidenziato l’acquisto di nuovi mezzi, che è stato l’atto finale di un 2010 che ha portato alla vendita di alcuni immobili comunali che hanno portato in cassa oltre 160mila euro.

Infine, il settore lavori pubblici. Nuova piscina comunale, interventi di manutenzione stradale nelle strade periferiche, rifacimento di viale Cappuccini, viale Marconi, messa in sicurezza dei plessi scolastici, sono alcuni degli interventi che hanno caratterizzato il 2010. “Adesso procederemo con la demolizione del fabbricato all’interno della rotatoria di via Ferro di Cavallo e con la realizzazione del parcheggio a Santa Chiara – ha annunciato l’assessore Bomba.