Scossa di terremoto nella Marsica

Torna la paura in provincia di L’Aquila per una scossa di terremoto avvertita alle ore 11.58 con magnitudo 3.9. dalla popolazione nei comuni di Magliano Dè Marsi, Avezzano, Tagliacozzo e Celano. La scossa odierna è stata avvertita anche nel Lazio. Ai vigili del fuoco di Avezzano ed ai carabinieri sono arrivate numerose telefonate anche dai paesi limitrofi compresa la stessa Avezzano. Dai primi rilievi non si segnalano danni a cose o persone. Anche se ci sono in corso verifiche per accertare effettivamente se la scossa ha provocato conseguenze. L’area interessata è quella a Nord della piana del Fucino ed è stato generato da una faglia diversa sia da quella responsabile del terremoto dell’Aquila del 6 aprile 2009, che da quella che nel 1915 ha distrutto Avezzano.

“E’ stata una scossa isolata, non seguita da alcuna replica. Non è una sequenza – ha detto il funzionario di sala sismica dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), Alessandro Amato -. È stata una scossa abbastanza superficiale, avvenuta a 8,1 chilometri di profondità, ed è per questo motivo che ha spaventato tanto. Come risulta dai questionari finora inviati al sito dell’Ingv ‘Hai sentito un terremoto?’, la scossa è stata infatti avvertita piuttosto bene in alcuni centri nella zona compresa fra Roma, Latina e Frosinone e, anche se con minore forza, fino alla costa adriatica. Il terremoto di oggi – aggiunge – è avvenuto su una fascia sismica ben nota, che corre parallela alla catena appenninica e nella quale non è una sorpresa un terremoto di magnitudo 3,9 come quello avvenuto oggi”.