Scippano anziana: 2 giovani arrestati a Lanciano. Ruba oro alla futura suocera, denunciata

Antonio Mancino, 27 anni, originario di Cerignola, ma residente a Filetto, e Dino Di Prinzio, di 23, anche lui residente a Filetto, entrambi pluripregiudicati per reati specifici, sono stati arrestati quest’oggi a Lanciano per aver scippato un’anzina donna di 82 anni, che percorreva a piedi via Ciliaci. Secondo la ricostruzione fatta dai carabinieri, intervenuti prontamente, un uomo (Mancino), sopraggiunto con la sua autovettura, una Y10, si è avvicinato alla donna e le ha strappato la borsa dal braccio. La scena è stata vista da un altro automobilista, che si mette all’inseguimento dei due e chiama il pronto intervento dell’Arma. Le sue indicazioni e la descrizione dell’autovettura, consentono poi di bloccare l’auto e fermare i due ladri, che visti scoperti, durante la fuga si liberano della refurtiva.

Una giovane di 22 anni, di Mozzagrogna, è stata invece denunciata a piede libero all’autorità giudiziaria per furto. Poco alla volta, giorno dopo giorno, aveva fatto scomparire dall’abitazione della futura suocera i gioielli della stessa. I sospetti erano da subito ricaduti su di lei, che era andata a vivere a casa del compagno da qualche tempo. La prima ad accorgersi che mancavano all’appello alcuni monili in oro, è stata proprio la futura suocera, che ha allertato il figlio. Madre e figlio escogitano un piccolo tranello: dicono alla giovane di essersi rivolti ai carabinieri che, durante un sopralluogo, hanno prelevato delle impronte. La ragazza crolla e confessa. Così è scattata la denuncia della derubata, che ha indicato pure il negozio in cui la ragazza era andata a rivendersi i monili. I carabinieri hanno accertato che la vendita, seppur parziale, ha fruttato alla giovane 4.746 euro. Il bottino, invece, sembra essere stato maggiore.