Lanciano il PD sulla ZTL: illegittima e confusionaria

“Il Partito Democratico ritiene che la valorizzazione del centro storico sia un argomento prioritario da affrontare perché può rappresentare una valvola di sviluppo importante da riattivare in una città immobilizzata negli ultimi 17 anni di amministrazione comunale. La limitazione del traffico veicolare nelle zone storiche, davanti alle bellezze architettoniche e monumentali della nostra Città è un obiettivo verso la costruzione di una città moderna ed europea, negli standard dell’Italia centrale. Sarebbe semplice cavalcare i molti malumori che ci sono riguardo al progetto dell’amministrazione che contiene una palese illegittimità procedurale per l’assenza del Piano Traffico che il gruppo consiliare del PD ha portato all’attenzione del consiglio con una mozione.

Ma noi chiediamo che si riapra un confronto serio con l’amministrazione e che ci indichi anche gli obiettivi veri che si vogliono raggiungere con questa ZTL. In questi anni l’amministrazione, ricordo, non ha partorito nessuno strumento di programmazione commerciale, stradale ed urbanistico. Certamente c’è bisogno di una maggiore educazione stradale in città, ma in questi anni non si è data nessuna risposta infrastrutturale: un parcheggio ampio per i quartieri Civitanova e Sacca, scale mobili di risalita da Piazza Garibaldi alla Sacca e per Santa Maria Maggiore e nemmeno riuscire a tenere aperto l’ascensore in Via per Frisa nelle ore notturne, cose che 10 anni di questa amministrazione e di gestione del bilancio potevano essere realizzate almeno in parte. C’è bisogno di mettere mano ad una gradualità di interventi infrastrutturali nei quartieri e quindi graduare anche l’intervento della ZTL alla realizzazione di soluzioni alternative. I quartieri di Lancianovecchia e del Borgo oggi sono più avanti rispetto a Civitanova ed alla Sacca. Meglio di niente si dirà, ma, molte volte, il rimedio è peggio del male come dimostra la vicenda grottesca del palo di videosorveglianza montato e smontato davanti alle Torri Montanare. E non è possibile neanche che la vicenda della ZTL venga utilizzata come medaglietta da appendere nella corsa interna al centrodestra alla successione del Sindaco Paolini.